- Prima Comunicazione - http://www.primaonline.it -

Perquisizioni della Guardia di Finanza negli uffici parigini di Vivendi, nell’inchiesta della procura di Milano sulla tentata scalata a Mediaset

Posted By redazioneprimaonline On 05/10/2017 @ 18:30 In Prima pagina | No Comments

Perquisizione del Nucleo di Polizia Valutaria della Guardia di Finanza di Milano negli uffici di Vivendi a Parigi e negli uffici della società di intermediazione Natixis. L’attività, svolta in collaborazione con i rappresentanti della Gendarmeria di Parigi, sarebbe stata disposta dal pm Silvia Bonardi nell’ambito dell’inchiesta nata da una denuncia di Fininvest sulla tentata scalata a Mediaset.Gli investigatori punterebbero ad acquisire documentazione sull’acquisto di azioni Mediaset da parte di Vivendi, cercando di verificare se dietro la banca d’affari Natixis – che ha aiutato il gruppo francese ad arrivare quasi fino al 30% del gruppo di Cologno Monzese – ci fosse o meno una rete ‘occulta’ di intermediari.

L’inchiesta era scattata nel dicembre 2016 quando la media company di Vincent Bollorè ha comprato azioni Mediaset salendo sino al 28,8% (diritti di voto al 29,94%), dopo il mancato acquisto della pay Premium, disdetto a luglio. Fininvest e Mediaset hanno presentato un esposto contro Vivendi sostenendo che il gruppo francese avrebbe creato “ad hoc” le condizioni per far scendere il titolo Mediaset, per poi lanciare la scalata “a prezzi di sconto”.

Vincent Bollore (foto Olycom)

Vincent Bollore (foto Olycom)

Nell’indagine, il presidente di Vivendi Vincent Bollorè e l’ad Arnaud De Puyfontaine sono accusati di aggiotaggio. In questi mesi sono stati ascoltati anche diversi testimoni, tra cui il cfo di Mediaset Marco Giordani e Tarak Ben Ammar, consigliere di amministrazione di Vivendi e di Telecom e mediatore nel contratto di acquisto di Mediaset Premium, e lo stesso ad Mediaset Pier Silvio Berlusconi.

Tra le due parti è in corso anche una causa civile la cui  prossima udienza è fissata per il 19 dicembre, per valutare la riunione dei procedimenti nati da due denunce separate di Mediaset e Finivest.

Quella di oggi è un’”indagine di routine”, affermano intanto da Vivendi, ribadendo la massima “trasparenza”. “L’iscrizione dei dirigenti di Vivendi nel registro della Procura di Milano”, continuano, “è il risultato della denuncia infondata e ingiuriosa presentata da Berlusconi contro Vivendi dopo la sua ascesa al capitale di Mediaset. Questo atto non indica in alcun modo un’accusa nei confronti di qualcuno”.

La quota detenuta in Mediaset “è stata acquisita in modo legale e trasparente”, scrive la media company in una nota sul suo sito, aggiungendo di aspettare “con serenità la chiusura di questa controversia”.


Article printed from Prima Comunicazione: http://www.primaonline.it

URL to article: http://www.primaonline.it/2017/10/05/261996/perquisizioni-della-guardia-di-finanza-negli-uffici-parigini-di-vivendi/

Copyright © 2013 Prima Comunicazione. All rights reserved.