05 ottobre 2017 | 18:10

Il contratto dei giornalisti ‘artisti’ è un tema da affrontare per evitare sprechi nel servizio pubblico, dice Usigrai intervenendo sulle polemiche tra Vespa e Fico. I nodi stanno venendo al pettine

“Lo strapotere degli agenti, giornalisti che si autodefiniscono ‘artisti’ pur di firmare contratti milionari, assenza di un progetto di riforma innovativo e radicale. I nodi stanno venendo al pettine. Se davvero si vuole ridurre gli sprechi e offrire ai cittadini una Rai Servizio Pubblico migliore, sono questi i nodi da sciogliere nel rinnovo del Contratto di Servizio e nella gestione dell’azienda”. Lo afferma l’UsigRai in una nota, dopo il botta e risposta tra Bruno Vespa e il presidente della Commissione di Vigilanza, Roberto Fico, che ha proposto una norma per vietare al conduttore di intervistare leader politici nel salotto di ‘Porta a Porta’ durante la campagna elettorale.

Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai

Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai

“Ricordiamo che Bruno Vespa, pur di difendere i suoi compensi, ha deciso di autodefinirsi artista”, scrive il sindacato dei giornalisti Rai, parlando di “un caso che riapre con forza la questione dell’informazione di rete che, a tutela degli utenti, dovrebbe essere sottoposta ai vincoli deontologici delle testate”. “Ricordiamo che l’artista Bruno Vespa è colui che ha ospitato nel suo salotto i Casamonica e Riina jr, e colui che ha permesso che si citassero i nomi di minorenni coinvolti in fatti di cronaca, in palese violazione di ogni carta deontologica. E, ancor di più, è colui che pur di difendere il suo contratto milionario da artista ha usato come minaccia il riconoscimento del contratto giornalistico di chi lavora con lui”.

“Sarebbe stato più onorevole da parte sua accettare il tetto allo stipendio e unirsi a noi nella battaglia per chiedere il dovuto contratto giornalistico per i tanti, troppi, che in Rai – anche a ‘Porta a Porta’ – fanno lavoro giornalistico a partita iva, o da programmisti registi, assistenti ai programmi, o altre fantasiose soluzioni”.

“Nel CdA Rai”, conclude l’UsigRai, “ci sono ben 4 giornalisti, Presidente compresa. Nulla da dire?”.