11 ottobre 2017 | 9:09

Assegnati a Img, per 371 milioni di euro a stagione, i diritti internazionali della Serie A 2018-21. Tavecchio: valore raddoppiato. De Laurentiis: Cifre mortificanti

Per il triennio 2018-2021, la Lega Calcio Serie A ha assegnato l’intero pacchetto dei diritti internazionali all’agenzia statunitense. La delibera è stata approvata da 18 club su 20.

La Lega Serie A ha assegnato all’agenzia americana IMG i diritti tv esteri della Serie A per il triennio 2018/2021. La deliberà è stata approvata da 18 società su 20. L’ammontare dell’offerta – a quanto si apprende – si aggira intorno ai 371 milioni di euro a stagione. In particolare l’offerta dell’agenzia IMG, soltanto per il campionato di Serie A, è di 340 milioni per i diritti tv e 12 per il betting. A questi va aggiunto il 4% dei diritti tv assegnati alla Rai per gli italiani all’estero. In totale totale alla Lega Serie A andranno circa 371 milioni di euro. “Ha vinto il progetto industriale”, ha spiegato il commissario Tavecchio che esulta: “Siamo contenti del lavoro svolto. E’ stata un’importante assemblea, che ha in sostanza delineato il valore del calcio italiano, con un raddoppio. Questo risultato ha portato 18 società ad approvare, con applauso finale, sottolineo con applauso finale”.

De Laurentiis accusa Infront e Tavecchio: “Abbiamo ricevuto offerte a dir poco mortificanti. Il calcio italiano, con questo caos, dovrà dire addio alla sua gloria ancora per molti anni”.

Il comunicato ufficiale della Lega serie A

L’Assemblea della Lega Serie A, riunitasi oggi (10.9.2017) a Milano, ha assegnato i Diritti Audiovisivi Internazionali della Serie A per il triennio 2018-2021 per un valore complessivo di 371 milioni di euro a stagione, con l’agenzia IMG ad aggiudicarsi i diritti global del campionato e del pacchetto betting e RAI assegnataria di quelli per le comunità italiane all’estero.

“Abbiamo delineato il valore del calcio italiano, raddoppiando i proventi che la Lega Serie A ha incassato dall’ultima vendita”, ha spiegato in conferenza il Commissario Straordinario, Carlo Tavecchio. “Questo è il risultato di un lavoro importante, che ha portato tutte le Società presenti ad approvare la delibera con un applauso. Siamo contenti del lavoro che è stato svolto da tutte le parti coinvolte”.

“Il valore del Campionato italiano è aumentato con grande soddisfazione dei fruitori e soprattutto delle 18 Società presenti che hanno votato all’unanimità – ha proseguito Tavecchio -. Siamo nello standard europeo, insieme alle altri grandi Leghe. Ringrazio l’avv. Nicoletti, il dott. De Siervo, il Direttore Generale Brunelli, con cui abbiamo lavorato in equipe per garantirci risultati che riteniamo soddisfacenti”.

“Il dato straordinario è che si è sviluppata una concorrenza importantissima dato che oggi avevamo tre offerte essenzialmente molto vicine come valori – ha spiegato l’avv. Paolo Nicoletti -. Dopo un percorso lungo e un bando articolato e complesso sono arrivati tre progetti molto interessanti che hanno portato a una competizione serratissima e a progetti industriali importanti”.

“I risultati sono sotto gli occhi di tutti, il lavoro paga sempre – ha concluso l’AD di Infront, Luigi De Siervo -. Nell’ultimo anno è stato fatto un grande lavoro con le squadre, i tecnici, i legali e la parte commerciale. Sta crescendo il livello complessivo di presa di coscienza della potenzialità del Campionato italiano, sono entrati in concorrenza gli operatori più importanti al mondo. Le Società hanno scelto un partner che ha convinto tutti, non solo per la parte economica ma anche e soprattutto per il progetto di sviluppo. La soddisfazione è grandissima perché il nostro calcio si posiziona al terzo posto come valore economico dietro la Premier League e La Liga, staccando di molto la Bundesliga”.