Comunicazione, New media, Pubblicità

19 ottobre 2017 | 18:01

Metà delle visite a rischio se le pagine di un sito web non si caricano entro 3 secondi. Ecommerce tra i portali più lenti. I dati Google: in Europa tempi medi sopra i 9 secondi. (INFOGRAFICHE)

La metà di tutto il traffico web passa ormai per smartphone e tablet e l’incidenza dei tempi di caricamento delle pagine web – qualunque attività si stia svolgendo, dall’acquisto di prodotti e servizi alla lettura di un articolo – diventa un fattore sempre più determinante per gli utenti e potenziali clienti. Stando a una ricerca diffusa da Google in occasione del lancio della nuova versione di Test My Site – la  funzione che permette di fare una verifica sul proprio sito, confrontandolo con la media del settore – il 53% delle visite a un sito viene persa se la pagina aperta da un dispositivo mobile richiede tre secondi o più per caricarsi. E la percentuale aumenta drasticamente con l’aumento del tempo di caricamento. Ad esempio, se si mantengono gli utenti su mobile in attesa fino a 5 secondi, la probabilità di rimbalzo sale del 90%.

Per capire il livello delle prestazioni nei siti mobile del vecchio continente, Google ha eseguito test sulle landing page pubblicitarie in 17 paesi europei per 11 settori differenti. Il tempo medio di caricamento è attualmente 9,1 secondi, oltre 6 secondi in più rispetto ai 3 secondi ideali.

I siti di maggiore successo sono quelli del settore Classifieds & Local, con un tempo di caricamento medio di 8,1 secondi (Italia: 6,7 secondi). I siti di Retail sono stati quelli più lenti, a 10,3 secondi (Italia: 11,2 secondi). Segue in coda il settore automobilistico per pochi centesimi di secondo (Italia: 10,3 secondi). In Italia il settore più lento è Business & Industrial Markets con 13, 7 secondi.

Con un acquisto su tre che avviene da un dispositivo mobile, le potenzialità nel rendere un sito più veloce, sono enormi. Infatti,  conclude la ricerca, se è vero che 9 proprietari di smartphone su 10 tornerebbero a comprare un brand quando la loro esperienza sul sito mobile è stata utile o rilevante, nel 46% dei casi le persone affermano che non comprerebbero di nuovo da un brand se l’esperienza fosse stata poco fluida.