19 ottobre 2017 | 18:15

Con Genish incontro aperto e rispettoso dei ruoli reciproci, dice il ministro Calenda, dopo il colloquio con l’ad di Telecom Italia. Stabilito un metodo di lavoro importante, aprendo una fase costruttiva

“Mi sembra si possa aprire una fase nuova, più produttiva e costruttiva rispetto al passato”. Così il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, si è espresso a proposito del faccia a faccia – durato circa un’ora – con l’amministratore delegato di Telecom Italia, Amos Genish, che si è svolto questa mattina al Mise. “Abbiamo parlato di tutto e in modo franco e aperto”, ha spiegato il ministro, sottolineando la positiviità del colloquio, definito “il migliore con il management di Tim da quando faccio il ministro”.

Nella foto, a sinistra Amos Genish, ad di Telecom Italia; a destra Carlo Calenda, ministro dello sviluppo economico

“E’ stato molto aperto e rispettoso nei reciproci ruoli e prerogative: il loro, che è quello di gestire un’azienda molto importante, il nostro di far rispettare l’interesse nazionale”, ha ribadito Calenda, spiegando poi che “è stato stabilito un metodo di lavoro importante”. “Invece di avere un approccio oppositivo, come in passato per esempio sul bando per le aree bianche, discutere prima i problemi che si possono creare e cercare di risolverli”. In ogni caso, “l’obiettivo è quello di avere una maggior connettività, che è necessaria al Paese”, ha concluso il ministro, anticipando anche la decisione di fissare un nuovo incontro “non appena hanno prodotto il piano industriale e di vederlo insieme”.

Nessun dettaglio ulteriore è invece emerso dalla dichiarazioni di Genish che si è limitato a esprimere un giudizio soddisfatto sull’incontro, definito “positivo e produttivo”.