Il 31 ottobre sciopero nazionale dei lavoratori Sky contro i licenziamenti. I sindacati di categoria: azienda denunciata per attività antisindacale

Nuove mobilitazioni dei lavoratori Sky. Lo si apprende da una nota dei sindacati di categoria – Slc, Uilcom e Ugl Telecomunicazioni – che, oltre ad annunciare uno sciopero nazionale per il 31 ottobre, hanno anche comunicato che è stato depositato un ricorso legale sulle modalità con cui l’azienda ha attuato i licenziamenti.

“Slc Cgil, Uilcom Uil e Ugl Telecomunicazioni negli scorsi giorni – si legge nella nota – hanno nuovamente sollecitato il Ministro dello Sviluppo Economico ad intervenire nei confronti di Sky Italia, azienda che nelle ultime settimane, dopo il mancato accordo di agosto sulle procedure di licenziamento per 124 lavoratrici e lavoratori presso il Ministero del Lavoro, ha inviato 63 lettere di licenziamento ai propri dipendenti”.

“Dopo una prima iniziativa di mobilitazione del territorio di Roma, la realtà aziendale più colpita dal punto di vista occupazionale e delle attività, non essendoci stata nessuna apertura da parte di Sky su licenziamenti e riorganizzazione, le segreterie nazionali annunciano una nuova mobilitazione, questa volta nazionale.”

“Il 31 ottobre si fermeranno i lavoratori dell’intero gruppo, coinvolgendo tutti i siti aziendali: Milano, Roma e Sestu.”

“Inoltre, come già preannunciato – concludono i sindacati – è stato depositato un ricorso legale presso il tribunale di Roma sulle modalità con cui l’azienda ha attuato i licenziamenti collettivi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il Papa affida ad Andrea Tornielli la direzione editoriale del Dicastero per la Comunicazione. Andrea Monda direttore Osservatore Romano

Organizzazioni dei giornalisti in piazza contro i tagli all’editoria in manovra: così si spegne la libera informazione

Open Gate Italia presenta ‘La Lobby è trasparenza’: patrimonializzazione delle società di lobbying a 24,5 milioni di euro (+ 8%)