Con la banda larga fino a 7 mila nuovi posti di lavoro. Gentiloni: la connessione veloce è la ferrovia della contemporaneità. Garantire a tutti l’accesso alle reti

“Colmare il digital divide, colmare il ritardo che abbiamo accumulato negli ultimi decenni, arrivare prima della media dei paesi europei a raggiungere gli obiettivi dei collegamenti” ad elevata velocità di trasmissione e ricezione, “sarebbe un obiettivo straordinario, che consentirebbe il progresso dell’intero sistema economico e darebbe lavoro a migliaia di persone. Tre o quattromila lavorano già ora nei cantieri della banda larga, che arriveranno a 10 mila nei momenti di picco”. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, nel corso dell’intervento all’inaugurazione dei cantieri Open Fiber, a Campli in provincia di Teramo.

“Dobbiamo abituarci”, ha dichiarato Gentiloni, “all’idea che la connessione veloce e sicura alla rete è una condizione del vivere contemporaneo, come è stato per i collegamenti stradali e ferroviari, per l’elettricità, reti telefoniche o televisive e acqua potabile. E’ un servizio universale che tutti gli italiani devono avere, tutte le realtà del nostro territorio”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai: Laganà, Usigrai, Fnsi e Odg preoccupati per le parole di Di Maio: a rischio posti di lavoro; volontà di colpire il pluralismo

Open presenta la squadra di redattori: fotoreporter, videomaker, esperti di contenuti verticali e di esteri

Rai, arriva l’infornata di vice direttori dei tg. Presentati anche i piani editoriali