14 novembre 2017 | 18:22

I giornalisti di Raisport all’attacco di Fazio: solo 10 minuti per il post partita con 15 milioni di telespettatori attaccati alla tv. Avremmo voluto più spazio ma il palinsesto di Rai1 non lo facciamo noi

“Care colleghe, cari colleghi ancora una volta i giornalisti di Raisport hanno dato prova di grande impegno e professionalità (cosi come tutto il personale di Raisport) in occasione dello spareggio mondiale Italia Svezia ottenendo grandi ascolti: 48,46% di share e 15 milioni di telespettatori su Rai 1 e 6,6% di share con 1 milione e 300 mila telespettatori sul canale Raisport HD.

Raisport è “entrata in campo” e ha giocato la sua partita: prima, durante e dopo nel modo migliore”. Inizia così la nota del Cdr di Raisport che continua: “Avremmo sicuramente voluto avere più spazio su Rai 1 (visto che originariamente la chiusura era stata fissata addirittura alle ore 22.45) e come Cdr ci siamo battuti per questo ottenendo la chiusura su Rai 1 alle ore 23 e passando poi sul nostro canale, ma abbiamo ugualmente fornito al telespettatore un prodotto completo e di qualità trasmettendo in diretta dopo mezzanotte la conferenza stampa del ct G.Piero Ventura, oltre a tutti i contributi in diretta da S.Siro. Il palinsesto di Rai 1 però non lo fa Raisport e non ci si può ricordare di Raisport solo per eventi cosi importanti battagliando per avere alla fine solo 10 minuti di post gara sulla rete generalista. Raisport è pronta ad entrare in campo sempre”.

“In questi anni abbiamo progressivamente perso spazi sulla rete generalista, spazi che – come abbiamo gia’ evidenziato nel nostro incontro con l’Azienda – vogliamo riconquistare, non solo perché lo sport porta ascolti ma anche per valorizzare il lavoro di tutta la Testata, rilanciando anche il nostro canale ed evitando o meglio arginando attacchi che arrivano dall’esterno e che tendono a mettere in discussione il nostro ruolo.

Attacchi che non accettiamo. Anche alla luce della bruciante eliminazione dell’Italia dal Mondiale, come d’accordo, abbiamo chiesto con urgenza all’Azienda un nuovo incontro allargato al Direttore di Raisport Romagnoli, al Direttore dei diritti sportivi Forleo e ci auguriamo anche alla presenza del dg Orfeo, per conoscere la strategia aziendale sullo sport ed entrare nel merito dei temi che – come abbiamo già sottolineato nel nostro precedente comunicato – riguardano il futuro stesso della nostra Testata”