Con l’Italia fuori dalla Coppa del Mondo non penso ci sarà un danno economico per Rcs, dice Cairo alla ‘Gazzetta’ che rilancia annunciando il progetto ‘Operazione Mondiale Rosa’

“Lunedì sera ho pensato alla Gazzetta e alle conseguenze su Rcs. Ritengo che non ci sarà un danno economico per il nostro gruppo”. A dirlo Urbano Cairo, presidente e amministratore delegato del Gruppo Rcs, che in un’intervista pubblicata oggi sulle pagine della ‘Gazzetta dello Sport’ – oltre a commentare la delicata situazione del calcio italiano – ha fatto qualche accenno alle ripercussioni che il flop mondiale della Nazionale avrà sui conti del giornale sportivo.

“Il Mondiale 2014 generò ricavi per 7 milioni, non decine come si è vociferato, e credo che riusciremo a recuperarli con le iniziative che metteremo in campo”, ha detto, smentendo di fatto le supposizioni di ‘Milano Finanza’, alle quali ieri aveva già replicato il Gruppo Rcs con una nota ufficiale.

Urbano Cairo (Foto: Olycom)

“Non ci sarà l’Italia ma la ‘Gazzetta’ varerà l’Operazione Mondiale Rosa”, ha aggiunto in conclusione, parlando di “un progetto senza precedenti”, che garantirà “ai lettori, al pubblico di Internet e agli utenti pubblicitari il servizio più bello possibile sullo spettacolo calcistico più bello del mondo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Alberto Barachini (Fi) presidente della Vigilanza Rai. Ma la carica a un ex giornalista Mediaset scatena polemiche

Cda Rai: il Parlamento elegge i consiglieri Borioni e Coletti (Senato), De Biasio e Rossi (Camera) – CHI SONO

Vigilanza Rai, Fnsi-Usigrai: con Barachini istituzionalizzato il conflitto d’interessi