Vogliamo il controllo della rete, ma non serve averne il 100%, dice Genish di Tim. La vendita di quote è un’opzione. Ma alle nostre condizioni: quando e se necessario

“Vogliamo il controllo della rete ma non dobbiamo averne il 100%”. Lo ha detto l’ad di Tim, Amos Genish dalla conferenza di Morgan Stanley su tech, media e tlc. La vendita di una quota “è un’opzione se l’opportunità è giusta” e se “aggiunge valore”, ha spiegato il manger.

Amos Genish

“Non vogliamo che qualcuno ci costringa (a vendere, ndr), vogliamo farlo alle nostre condizioni, quando realmente crederemo sia necessario e qualora aggiunga valore ai nostri azionisti”, ha aggiunto, come riporta l’agenzia Bloomberg.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

I giornalisti di Mondadori Periodici: “esorbitanti” 35 esuberi su 149. L’Assemblea: un editore non abdica così al suo ruolo

A Repubblica arriva Verdelli e si riaccende la competizione con il Corriere della Sera

Mediaset, Facebook condannata per violazione copyright e diffamazione. “Contenzioso cruciale, creato un precedente”