In quattro anni ( 2012-2016) le tlc hanno perso il 16% dei ricavi ma l’anno scorso il mercato si è stabilizzato. Agcom: flat i servizi postali

Il settore Telecomunicazioni ha registrato tra il 2012 e il 2016 una riduzione dei ricavi del 16%, prevalentemente concentratasi nel triennio 2012-2014 (-15,2%). Nell’ultimo anno, invece, si rileva una sostanziale stabilita’ del fatturato complessivo, e, non considerando TIM, si osserva un’inversione di tendenza con una crescita dello 0,5%.

Angelo Marcello Cardani

Angelo Marcello Cardani

Questo e’ quanto fotografato dall’Autorita’ per le Garanzie nelle Comunicazioni nella terza edizione del Focus sui bilanci delle imprese operanti nei settori delle Telecomunicazioni e dei Servizi postali e di corriere espresso. In relazione ai Servizi Postali e di corriere espresso, i ricavi complessivi, dopo una diminuzione registrata dal 2012 al 2014, risultano pressoche’ stabili su un valore intorno ai 7,7 miliardi. Tuttavia, notevoli differenze si riscontrano tra i diversi segmenti di mercato considerati: i ricavi di Poste Italiane diminuiscono del 19,8% e rappresentano oggi il 39,5% del totale (rispetto al 49,4% del 2012), mentre quelli delle altre imprese (in gran parte corrieri espresso) crescono del 20% (+5,8% nel solo 2016). Il Focus contiene inoltre un approfondimento su Poste Italiane i cui ricavi, escludendo quelli provenienti dalle attivita’ finanziarie, sono rimasti relativamente stabili.

La progressiva digitalizzazione delle modalita’ di comunicazione e’ alla base della riduzione dell’utilizzo dei servizi postali tradizionali: nel periodo considerato gli invii postali si dimezzano passando da 3,5 a 1,7 miliardi di unita’. Allo stesso tempo, la crescita dell’e-commerce (nel 2016 oltre un utente internet su due ha effettuato un acquisto online), alimenta l’incremento delle attivita’ di corriere espresso e di invio di pacchi, cresciuti di oltre il 50% (da 62 a quasi 100 milioni di unita’ in dieci anni). Infine, i processi di ristrutturazione aziendale hanno portato alla riduzione del 7,5% degli uffici postali e alla flessione dei livelli occupazionali di 17.500 addetti circa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

X Factor, è tempo di live. Hartmann (Sky): È lo show musicale più bello di sempre

Gedi: utile a 7,8 milioni e ricavi in crescita del 10,4% nei 9 mesi del 2018

Figc: Gravina eletto presidente con il 97,2% dei voti