Il duopolio Google-Facebook spiazza anche gli editori digitali che puntano solo sulla raccolta adv online. Mashable svenduto e faticano a crescere persino Vice e BuzzFeed

Il duopolio Google-Facebook è una minaccia anche per i più innovativi progetti editoriali nativi digitali. Secondo quanto scrive Niemanlab, in un ecosistema mediatico in cui “cresce solo il duopolio Google-Facebook”, anche i vari Mashable, BuzzFeed e Vice faticano a far funzionare un modello di business basato esclusivamente sulla raccolta pubblicitaria online.

A sostegno della tesi, Niemanlab cita i licenziamenti a Oath, le “svendita” di Mashable per 50 milioni di dollari (contro una stima iniziale di 250) e il fatto che sia BuzzFeed sia Vice non raggiungeranno gli obiettivi prefissati di crescita. Senza dimenticare la notizia della chiusura di DNAinfo, progetto dedicato alle notizie locali.

Marck Zuckerberg, fondatore di Facebook e Sundar Pichai, ceo di Google (Foto: Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Roma, Qatar Airways main sponsor fino al 2021. Sulla maglia dei giallorossi

Ei Towers: il matrimonio con Rai Way avanti solo senza vincolo del 51% allo Stato

Fnsi: basta aggressioni ai giornalisti, la democrazia è in pericolo