Noi completamente contrari all’integrazione tra Open Fiber e Tim, dice l’ad di Enel Starace: la fusione finirebbe per penalizzare lo sviluppo della rete

“Siamo completamente contrari” a una fusione tra le reti di Open Fiber e Tim. Lo ha detto l’ad dell’Enel Francesco Starace, nel corso della conferenza stampa al termine della presentazione del piano strategico 2018-2020, rispondendo a una domanda specifica sull’ipotesi di fusione con la rete di Telecom Italia.

Francesco Starace (foto Olycom)

“Non c’è nessun merito e non ci sono vantaggi nel prevedere una fusione tra Open Fiber e un’altra rete”, ha spiegato il manager. “Siamo completamente concentrati sulla missione di Open Fiber, che è quella di completare l’opera di posa di cavi per lo sviluppo del servizio in Italia. Qualunque altra convinzione non ha merito e finisce per penalizzare il programma di sviluppo della rete nel Paese”.

Starace ha quindi assicurato di non aver cambiato idea rispetto a quello che aveva dichiarato a luglio scorso, quando disse che la fusione “non ha senso”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Facebook, nel 2017 raddoppiata la spesa per lobbying in Ue. Da 1,2 a 2,5 milioni di euro

Nbc entra nel consorzio OpenAp dove raggiunge Fox, Turner e Viacom

Formiche, Roberto Arditti nel Cda e direttore editoriale. Cresce l’ebitda di Base Per Altezza