Web tax: via libera dalla commissione bilancio a un’imposta del 6% sui ricavi digitali

Via libera della commissione Bilancio del Senato alla web tax. L’emendamento alla manovra è stato approvato il 26 novembre, corredato dalla relazione tecnica, da cui si evince – spiega Ansa – che il gettito atteso dalla nuova imposta al 6% sulle transazioni digitali è pari a 114 milioni di euro annui a partire dal 2019, anno di entrata in vigore.

Di conseguenza, il finanziamento del Fondo per le esigenze indifferibili passa nel 2019 da 330 milioni a 444 milioni di euro.

L’ultima versione, riformulata e approvata, dell’emendamento a prima firma Massimo Mucchetti, presidente della Commissione Industria del Senato, prevede l’esclusione dall’imposta delle imprese agricole e dei “soggetti che hanno aderito al regime forfetario o al regime di vantaggio per i contribuenti di minore dimensione”.

Come annunciato, non saranno più le imprese a operare da sostituti d’imposta ma gli intermediari finanziari, a partire dalle banche. Entro il 30 aprile 2018 il ministero dell’Economia dovrà emanare un decreto ad hoc per individuare i servizi da sottoporre all’imposta.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maurizio Carlotti lascia Atresmedia. Dopo quarant’anni di lavoro nel mondo audiovisivo ha deciso di godersi la vita

Maurizio Carlotti lascia Atresmedia. Dopo quarant’anni di lavoro nel mondo audiovisivo ha deciso di godersi la vita

La potente manager cinese Jie Sun (Ctrip) firma accordi con Aeroporti di Roma, Trenitalia e Musei Ferrari

La potente manager cinese Jie Sun (Ctrip) firma accordi con Aeroporti di Roma, Trenitalia e Musei Ferrari

Stati Generali Editoria, Crimi: obiettivo riforma strutturale importante e necessaria per un comparto cruciale

Stati Generali Editoria, Crimi: obiettivo riforma strutturale importante e necessaria per un comparto cruciale