In 12-18 mesi sarà conclusa l’integrazione tra Wind e 3, dice l’amministratore delegato del gruppo Hedberg. Per i prossimi 5 anni stanziati 6 miliardi di euro da investire

“Sarà concluso entro 12-18 mesi il processo di integrazione tra Wind e 3”. Lo ha detto l’amministratore delegato di Wind 3 Jeffrey Hedberg, a margine del convegno ‘Road to 5G’ a L’Aquila, dove insieme ad Open Fiber realizzerà nella città un progetto sperimentale sulla tecnologia 5G. “Nei prossimi 5 anni Wind investirà in generale 6 miliardi di euro e stiamo studiando dove allocare questi soldi”, ha spiegato il manager rispondendo alle domande sulla prossima gara per le frequenze 5G.

Jeffrey Hedberg

Hedberg ha parlato del lavoro realizzato a L’Aquila con Open Fiber come di “un altro step fondamentale nel progetto per lo sviluppo del 5G e per la diffusione delle reti mobili di quinta generazione”. “Questo passo decisivo permetterà, inoltre, all’Italia di valorizzare ulteriormente competenze, persone, partnership e innovazione nel suo percorso di Digital Transformation. Siamo consapevoli della sua fondamentale importanza per il Paese e per tutte le persone e le imprese coinvolte”, ha aggiunto.

“L’innovazione rappresenta, infatti, un grande fattore di crescita e sviluppo per tutti, dal punto di vista tecnologico e, al tempo stesso, in termini di diffusione di skill digitali e imprenditoriali. È per questo motivo necessario renderla accessibile e vicina ai cittadini, perché possano diventare protagonisti e motori del cambiamento, insieme a imprese e istituzioni”, ha concluso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Editori al contrattacco: Governo agisce al contrario degli altri Paesi europei. Riffeser: sì a confronto, no a minacce e denigrazioni

Profondo restyling per A&F di Repubblica, in edicola dal 22 ottobre. Calabresi: fatwa di Di Maio ha portato abbonamenti

Nasce Milano Running Festival, primo festival italiano del podismo. Ad aprile con Generali Milano Marathon