Il ministro Calenda: privatizzare la Rai non esclude la possibilità per lo Stato di mantenere una quota rilevante

Con l’eventuale privatizzazione, la gestione della Rai dovrà “confrontarsi con il mercato e non i membri della Commissione di Vigilanza”. A sottolinearlo il ministro dello Sviluppoe economico, Carlo Calenda, parlando a Radio Anch’io su Rai Radio 1. “Intanto, non è detto che con la privatizzazione, lo Stato non possa mantenere una quota rilevante come è avvenuto per altre aziende”, ha puntualizzato Calenda. “Ma come si fa a gestire un’industria in cui la politica sembra essere l’azionista e che si diverte a criticare i programmi”, ha chiesto poi il titolare del Mise. E ha aggiunto che con una soluzione di questo tipo “si disciplinerebbe la politica”.

Carlo Calenda (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maurizio Carlotti lascia Atresmedia. Dopo quarant’anni di lavoro nel mondo audiovisivo ha deciso di godersi la vita

Maurizio Carlotti lascia Atresmedia. Dopo quarant’anni di lavoro nel mondo audiovisivo ha deciso di godersi la vita

La potente manager cinese Jie Sun (Ctrip) firma accordi con Aeroporti di Roma, Trenitalia e Musei Ferrari

La potente manager cinese Jie Sun (Ctrip) firma accordi con Aeroporti di Roma, Trenitalia e Musei Ferrari

Stati Generali Editoria, Crimi: obiettivo riforma strutturale importante e necessaria per un comparto cruciale

Stati Generali Editoria, Crimi: obiettivo riforma strutturale importante e necessaria per un comparto cruciale