Il ministro Calenda: privatizzare la Rai non esclude la possibilità per lo Stato di mantenere una quota rilevante

Con l’eventuale privatizzazione, la gestione della Rai dovrà “confrontarsi con il mercato e non i membri della Commissione di Vigilanza”. A sottolinearlo il ministro dello Sviluppoe economico, Carlo Calenda, parlando a Radio Anch’io su Rai Radio 1. “Intanto, non è detto che con la privatizzazione, lo Stato non possa mantenere una quota rilevante come è avvenuto per altre aziende”, ha puntualizzato Calenda. “Ma come si fa a gestire un’industria in cui la politica sembra essere l’azionista e che si diverte a criticare i programmi”, ha chiesto poi il titolare del Mise. E ha aggiunto che con una soluzione di questo tipo “si disciplinerebbe la politica”.

Carlo Calenda (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Juventus Tv, rinasce sul web con un canale on-demand

Rai, Laganà: ricerca di intesa politica delegittima l’azienda e blocca il cambiamento

La classifica dei media italiani più attivi sui social e dei post con più interazioni a luglio – INFOGRAFICHE