La Russia inserisce Radio Liberty e Voice of America nella lista degli agenti stranieri. Una risposta agli Stati Uniti che hanno fatto lo stesso con Russia Today

Il ministero della Giustizia russo ha inserito nella lista degli “agenti stranieri” Radio Liberty e The Voice of America: due testate finanziate dal governo Usa. Lo riferisce l’agenzia Ria Novosti.

Vladimir Putin e Donald Trump (Foto: Olycom)

Il 25 novembre, ricorda l’Ansa, Putin ha promulgato una legge che permette di bollare come “agenti stranieri” i media stranieri che ricevono fondi dall’estero. Per Mosca si tratta della risposta alla registrazione della tv filo-Cremlino Russia Today nel registro degli “agenti stranieri” negli Usa.

Nel registro figurano anche sette progetti di Radio Liberty: il canale tv ‘Nastoyashee Vremya’, il servizio tataro-baschiro di Radio Liberty, Sibir.Realii, Idel.Realii, Faktograf, Kavkaz.Realii e Krym.Realii.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Editoria, Crimi: finanziamenti a 150/200 testate su 18mila. Falso dire che senza contributi diretti non c’è pluralismo

Fnsi e Odg alzano la voce ma chiudono al dialogo col governo: non trattiamo con chi insulta i giornalisti e aumenta il precariato

Rugby, Guinness main sponsor del Sei Nazioni