06 dicembre 2017 | 16:02

Analisi ascolti tv 5 dicembre: Boni dopo il Napoli batte pure la Roma (e la Juventus). Iene al top in seconda serata. Floris va giù (causa calcio) ma batte Berlinguer. Per Mannoni (polemico) più share di #Cartabianca

Dopo avere battuto il Napoli ha superato ancora più chiaramente anche la Roma. ‘La Strada di casa’, il melodramma familiare con Alessio Boni e Lucrezia Lante Della Rovere protagonisti, ieri ha ottenuto 5,579 milioni ed il 23,74%. Seconda con distacco è arrivata la partita di Champions League in chiaro su Canale 5, ‘Roma-Qarabag’, che ha riscosso 3,864 milioni di spettatori ed il 14,65% di share.

Due settimane fa, Boni e Lante Della Rovere avevano distanziato anche ‘Napoli-Shakhtar Donetsk’, che aveva ottenuto 4,988 milioni di spettatori con il 18,56% di share. I tifosi partenopei, evidentemente, sono televisivamente più rilevanti di quelli giallorossi. Anche se va considerato che ieri una buona fetta di spettatori della competizione europea per club ha seguito il calcio sulla pay tv terrestre, che trasmetteva tra le altre anche Olympiakos-Juventus (il resto delle partite su Premium ha conseguito 1,050 milioni di spettatori ed il 4% di share). Comunque sia, anche sommando il bilancio totale della Champions League – a oltre 4,9 milioni di spettatori con il 18,7% di share tra emissioni free e a pagamento – il risultato de ‘La strada di casa’ rimane nettamente superiore. Notevole e per certi versi inatteso nelle proporzioni, è stato anche il risultato de ‘Le Iene Show’, che hanno sfiorato quota 2,5 milioni con il 12,7% di share e poi hanno stravinto in seconda serata alle prese con ‘Porta a Porta’. Con nella prima parte Pierluigi Bersani e nella seconda Orietta Berti, il programma di Bruno Vespa ha avuto 1,158 milioni di spettatori ed il 12,18%, ed ha perso il confronto – sempre su Italia 1 – anche con Mai dire Grande Fratello Vip (845mila e 14,73% e in coda 643mila e 15,72%).

Ma torniamo alla prima serata. Ha ottenuto il quarto posto il film di Rai2, ‘Non-Stop’, a quota 1,3 milioni e 5,32%, mentre l’altra pellicola in prima serata, l’evergreen rosa di Rete 4 ‘The Bodyguard’, si è attestato a 903mila spettatori e il 4,1%.

Meno schiacciante (1 punto) della settimana scorsa è stato – nel confronto tra i talk – il vantaggio di Giovanni Floris (su La7 ‘DiMartedì’ 1,081 milioni e 4,88%, in calo di 400 mila spettatori) su Bianca Berlinguer (su Rai3 ‘#Cartabianca’ stabile a 844mila spettatori e il 3,84%).

Floris aveva una scaletta molto meno aggressiva di quella di sette giorni prima (Luigi Di Maio ed Elsa Fornero tra le presenze chiave), mentre la Berlinguer ha virato seccamente su spettacolo e target femminile (apertura con Christian De Sica e chiusura con Vincenzo Salemme, in mezzo Ferruccio de Bortoli e la vicenda di Banca Etruria e poi Laura Boldrini e la violenza alle donne). Stavolta, inoltre, il dominio di DìMartedì non è stato costante in tutto l’arco della serata. La trasmissione della Berlinguer è terminata, in ritardo, alle 24.04, è questo ha provocato l’intervento polemico di Maurizio Mannoni in apertura di Liena Notte (389mila spettatori e 5,14% di share).

In day time da registrare su Canale 5 il risultato da record stagionale di Mattino Cinque (17,75% e 22,04%) con il post Grande Fratello Vip. In access questo il bilancio della sfida tra Lilli Gruber e Maurizio Belpietro: su La7 per Otto e mezzo, 1,531 milioni di spettatori e 5,74%, su Rete 4 per Dalla vostra parte 1,151 milioni di spettatori e 4,36%.