Milano capitale europea del 5G. Al via la sperimentazione con Vodafone che porterà a coprire l’80% della città entro il prossimo anno

Persa per lo sfortunato sorteggio con Amsterdam l’occasione di ospitare l’Agenzia europea dei medicinali, Milano rilancia con un progetto ancora più importante per il futuro della città: fare di Milano la capitale europea del 5G. 

 

La presentazione della sperimentazione 5G a Milano, l'11 dicembre a Palazzo Marino. Da sinistra: Ferruccio Resta, rettore del Politecnico di Milano; Aldo Bisio, amministratore delegato di Vodafone Italia; Giuseppe Sala, sindaco di Milano; Roberta Cocco, assessore alla trasformazione digitale del Comune; Antonello Giacomelli, sottosegretario allo Sviluppo economico; Francesco Vassallo, consigliere alla digitalizzazione della Città Metropolitana.

La presentazione della sperimentazione 5G a Milano, l’11 dicembre a Palazzo Marino. Da sinistra: Ferruccio Resta, rettore del Politecnico di Milano; Aldo Bisio, amministratore delegato di Vodafone Italia; Giuseppe Sala, sindaco di Milano; Roberta Cocco, assessore alla trasformazione digitale del Comune; Antonello Giacomelli, sottosegretario allo Sviluppo economico; Francesco Vassallo, consigliere alla digitalizzazione della Città Metropolitana.  (foto Primaonline.it)

 

Vodafone, che si è aggiudicata il bando pubblico indetto dal ministero dello Sviluppo economico, ha dato il via alla sperimentazione che prevede un investimento di 90 milioni di euro e che porterà a coprire l’80% della città metropolitana con la rete di nuova generazione entro il prossimo anno, per arrivare a una copertura totale del territorio entro il 2019.

L’impegnativo progetto è stato presentato a Palazzo Marino dai protagonisti dell’iniziativa, che promette di far recuperare in soli due anni il ritardo accumulato in passato dal nostra Paese nelle tecnologie digitali e nelle connessioni a Internet: il sindaco di Milano Giuseppe Sala, l’amministratore delegato di Vodafone Italia Aldo Bisio, il sottosegretario allo Sviluppo economico Antonello Giacomelli, il rettore del Politecnico di Milano Ferruccio Resta e le altre autorità regionali e locali coinvolte nell’iniziativa.
“Con il 5G abbiamo l’occasione di stabilire una leadership vera della nostra città nella rivoluzione digitale, che si accompagnerà a un cambiamento nelle abitudini dei cittadini, delle aziende e della pubblica amministrazione”, ha detto Sala.

Il sottosegretario allo Sviluppo economico, Antonello Giacomelli

Il sottosegretario allo Sviluppo economico, Antonello Giacomelli (foto Primaonline.it)

L’amministratore delegato di Vodafone ha fatto alcuni esempi degli ambiti che saranno rivoluzionati dalla nuova rete, grazie alle sperimentazioni che saranno condotte nei prossimi mesi assieme a 28 grandi imprese (dall’Eni, a Poste Italiane, dalle Ferrovie dello Stato a Ibm, da Siemens ad Atm) e in collaborazione con il Politecnico di Milano. Nell’ambito della salute si sperimenteranno l’ambulanza connessa e i sistemi di analisi e di consulto da remoto; nella mobilità i sistemi anticollisione grazie a sensori situati sui veicoli e sulle infrastrutture stradali; nell’ambito della sicurezza i droni per le riprese aeree in occasioni di grandi eventi; nell’entertainment l’uso della realtà aumentata per proporre ai turisti esperienze immersive nelle risorse del patrimonio artistico e culturale; nel manufactoring i robot per l’agricoltura di precisione, per ottimizzare l’utilizzo delle risorse. E sono solo alcuni esempi dei 41 progetti che saranno sviluppati nei prossimi mesi per rendere i concreti i vantaggi del 5G.
“Siamo partiti quattro anni fa con il drammatico ritardo del Paese, all’ultimo posto in Europa nel processo di digitalizzazione, ed ora non solo siamo nel gruppo di testa, ma addirittura in fuga davanti agli altri”, ha concluso con una metafora ciclistica il sottosegretario Giacomelli.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fnsi: basta aggressioni ai giornalisti, la democrazia è in pericolo

Juve-Napoli batte Fazio, la MotoGp corre come Gerry Scotti, giù Le Iene, tiene Giletti

Tribunale accoglie ricorso di Tim e Vivendi: no a revoca consiglieri