Analisi ascolti tv 10 dicembre: Michelini va meglio di Morandi ed è con Blasi espressione del nuovo corso Mediaset. Da Fazio, Grasso battuto da Renzi e Berlusconi. Iene giù causa Milan. Giletti tiene il 6%

Giulia Michelini come Ilary Blasi, nuova eroina della tv di Cologno. ‘Rosy Abate’, la serie poliziesca che ieri è terminata sfiorando 5,3 milioni di spettatori con il 20,9% di share, ha fatto più de ‘L’Isola di Pietro’, confermandosi come un altro vero e proprio fenomeno della stagione tv di Mediaset assieme a ‘Grande Fratello Vip’ e alla fiction con Gianni Morandi che aveva aperto bene la stagione autunnale.

Nella foto, sopra ‘Rosy Abate’; sotto ‘Che tempo che fa’

Lato Rai, invece, l’esito della serata tv della seconda domenica di novembre suggerisce che la forza (almeno quella televisiva) di Liberi ed Eguali e del suo leader, Pietro Grasso – che ieri ha presentato in diretta su Rai1 il simbolo del nuovo schieramento di sinistra – non sono ancora pari a quelli di Pd e Forza Italia (e dei loro capi). Ieri il presidente del Senato è stato l’ospite di avvio di una puntata di ‘Che tempo che fa’ piena zeppa di stelle. Sciorinando dopo Grasso niente meno che gli U2, Roberto Bolle, Renzo Arbore, Nino Frassica, prima dell’intervento comico di Luciana Littizzetto, Fabio Fazio ha ottenuto 3,977 milioni di spettatori ed il 14,55% di share. Nella seconda parte, quella del ‘tavolo’, la trasmissione dell’ammiraglia pubblica ha conquistato 2,270 milioni di spettatori ed il 13% di share, per una media complessiva di 3,370 milioni di spettatori ed il 14,2% di share. Una settimana prima, con Matteo Renzi come ospite chiave, ‘Che tempo che fa’ aveva ottenuto un punto di share e quasi centomila spettatori in più, mentre era stato molto simile a quello di ieri il bilancio della puntata con Silvio Berlusconi. Se poi si considerano – in particolare – gli spazi dei tre ospiti politici, emerge come con il segretario del Pd in onda il programma avesse conquistato il 16,5% della platea, con il fondatore di Forza Italia il 15,8%, mentre con Grasso on air lo share ieri si è attestato al 14,6%, con ‘Paperissima Sprint’ largamente predominante su Canale 5.

Non ha turbato il confronto tra le ammiraglie la Serie A pay: ‘Milan-Bologna’, vinta dai rossoneri di Rino Gattuso per due a uno, ha conseguito sulle due pay 1,8 milioni di spettatori ed il 6,5% di share. La presenza del calcio in prima serata, un’edizione più forte del solito del ‘tavolo’ di Fabio Fazio, hanno finito invece per produrre il forte calo di Italia 1 e de ‘Le Iene’ (meno tre punti di share circa), ieri a 2 milioni di spettatori e 9,71% di share. Sulla seconda rete, invece, è rimasto quasi immutato il bilancio del telefilm ‘Ncis’ (1,770 milioni e 6,5%).

Dall’alto: il match Milan-Bologna; ‘Le Iene’ e ‘Non è l’arena’

Alle prese con Grasso, dopo avere sofferto con Renzi, ‘Non è L’arena’ su La7 è risalito a 1,3 milioni di spettatori con il 6% di share. Massimo Giletti ha risposto al segretario di Liberi e Uguali occupandosi nella prima parte di banche in generale e Banca Etruria in particolare, e quindi di famiglia Boschi e implicazioni per il Pd come aspetto collaterale, mettendo sui gradoni dell’arena Antonio Di Pietro (virtualmente, in collegamento), Enrico Mentana, Gennaro Migliore, Matteo Salvini. In questa fase Giletti è sempre rimasto ampiamente sopra il 5% di share superando in alcuni momenti il 7%. Il programma ha sostanzialmente tenuto anche nella sua fase centrale, incentrata sul tema della prostituzione minorile e poi è andato in crescendo celebrando il trentennale di ‘Striscia la Notizia’. Anche alle prese con alcune puntate del programma di Fazio particolarmente aggressive e concorrenziali sul target e sul tema della sua trasmissione, comunque, quello di Massimo Giletti si accredita come il talk giornalistico mediamente più forte della rete di Urbano Cairo. In coda, invece, da registrare come il film di Rai 3 (‘Saving Mr. Banks’, 1,2 milioni e 4,8%) abbia praticamente doppiato quello di Rete 4 (‘Shutter Island’, 695mila e 3%), mentre ha portato a casa un ottimo risultato la finale di ‘Celebrity Masterchef’, a 835mila spettatori e 3,3% su Tv8.

Al pomeriggio, con Barbara D’Urso a riposo, sono cresciute tutte le produzioni Rai. Su Rai1 ‘Domenica In’ ha ottenuto il 14,42%, con una crescita di 4 punti rispetto alla settimana precedente; su Rai2 ‘Quelli che il calcio’ ha fatto il 9,77% e su Rai3 la seconda parte di ‘Kilimangiaro’ ha conquistato il 10,19%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fnsi: basta aggressioni ai giornalisti, la democrazia è in pericolo

Juve-Napoli batte Fazio, la MotoGp corre come Gerry Scotti, giù Le Iene, tiene Giletti

Tribunale accoglie ricorso di Tim e Vivendi: no a revoca consiglieri