12 dicembre 2017 | 11:07

Nuovo logo e identità visiva per Infront che guarda anche a mercati come il fitness e gli e-sports. Blatter: fondamentale parlare a persone di ogni età e condizione sociale

Nuovo logo e identità visiva per Infront: rosso e bianco i colori scelti, con un disegno più semplice da utilizzare sui social. Il rebranding risponde anche alla necessità di comunicare alle federazioni e a tutta l’industria sportiva, l’ambizione della società del gruppo Wanda di dialogare con persone di ogni età e condizione sociale.

 

Infront si è trasformata da agenzia di diritti media centrata sul calcio a società di servizi che offre soluzioni digitali, marketing, di distribuzione e di produzione media a più di 170 federazioni, club e organizzazioni di eventi sportivi di 25 discipline, ricorda una nota.

Se il core business di Infront continuerà ad essere il professionismo, con il calcio, gli sport invernali e gli sport estivi in testa, il presidente e ceo Philippe Blatter, intende dedicare sempre maggiore attenzione anche a discipline emergenti e mercati in espansione come il fitness (personal e corporate), gli e-sports e le attività sportive non professionistiche ma che generano comunque dinamiche associative e comunitarie (community sports). Potenziando il portfolio digitale e l’offerta.

Il nuovo e il vecchio logo a confronto

Il nome dell’azienda è, inoltre, stato semplificato da Infront Sports & Media a Infront , per essere più coerente all’offerta che va oltre i media e lo sport. Lo slogan è “all about sports”, tutto sullo sport.

“L’industria dello sport sta rapidamente cambiando sia dal punto di vista sociale, sia dal punto di vista tecnologico”, spiega Blatter. “Questo significa che è di vitale importanza per i marchi e per i rights holder essere in grado di interagire con persone di ogni età e ceto sociale. Vorremo far notare che anche noi siamo cambiati e ci siamo evoluti insieme ai tempi”.

 

Ecco come evolvono Infront e lo sport: