L’Inter piazza il bond da 300 milioni e raccoglie il doppio delle sottoscrizioni

Inter Media and Communication, unico amministratore e gestore dei settori media, broadcasting e delle sponsorizzazioni di FC Internazionale Milano, ha annunciato oggi l’offerta di un prestito obbligazionario garantito del valore nominale complessivo di 300 milioni di euro con scadenza 2022 al 4,875% (le Obbligazioni). Lo annuncia il club nerazzurro in una nota in cui spiega che le Obbligazioni, che rappresentano il primo bond emesso da una società di calcio Italiana sul mercato di capitali internazionale a una vasta gamma di investitori istituzionali, “hanno suscitato grosso interesse da parte di diversi investitori istituzionali di portata globale e nel libro ordini sono state raccolte circa il doppio delle sottoscrizioni richieste”.

Il proprietario dell’Inter Zhang Jindong

Le Obbligazioni saranno pagate il 21 dicembre 2017 e, spiega l’Inter, “prorogheranno la scadenza del debito del Gruppo, al contempo migliorando la flessibilità finanziaria del Gruppo con una struttura finanziaria che permetterà all’Inter di raggiungere i propri obiettivi a medio e lungo termine”.

L’Inter, ricorda la nota, è attualmente prima nella Serie A italiana, si è qualificata per i quarti di finale della Coppa Italia – TIM e si prepara a celebrare il suo centodecimo anniversario, nel 2018.

Goldman Sachs International è il coordinatore globale e il bookrunner fisico dell’offerta proposta e Ubi Banca ne è il cogestore. Latham & Watkins LLP funge da consulente legale dell’Emittente mentre Rothschild assiste Inter in qualità di consulente finanziario. Cravath, Swaine & Moore LLP e DLA Piper fungono da consulenti legali di Goldman Sachs International e di Ubi Banca.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il Garante privacy a Fb: meriti la fiducia degli utenti, rafforzando la protezione dei dati

Caltagirone: il mercato verso una stabilizzazione. Non mi aspetto nessuna ripresa

Facebook svela quali contenuti rimuove. E permette agli utenti di fare appello per i post censurati