I tg regionali sono la spina dorsale dell’informazione Rai, dice il dg Orfeo, sulla TgR che compie 38 anni. Il direttore della testata, Morgante: noi prima linea giornalistica per il servizio pubblico

Compie oggi 38 anni la Tgr, la testata Giornalistica Regionale della Rai, che diede il via alle trasmissioni nel 1979 e che oggi produce ogni anno 8.500 ore di informazione televisiva e 6.200 ore di informazione radiofonica. “Con le sue 24 redazioni diffuse su tutto il territorio italiano è la spina dorsale dell’informazione prodotta dal servizio pubblico”, ha detto il dg di Viale Mazzini Mario Orfeo. “L’articolazione regionale dell’offerta informativa è una ricchezza e si coniuga compiutamente con l’informazione nazionale realizzata dalle nostre testate”, ha aggiunto.

Mario Orfeo (foto Ansa)

“In quasi quattro decenni l’informazione di prossimità ha cambiato volto con un’offerta al pubblico che comincia al mattino, con ‘Buongiorno Italia’ e ‘Buongiorno Regione’, e finisce intorno a mezzanotte con l’ultima edizione del tg regionale”, ha commentato il direttore della testata Vincenzo Morgante. “Siamo la prima linea giornalistica della Rai nel Paese perché i nostri inviati sono immediatamente operativi quando accadono fatti gravi ed emergenze, pronti ad andare in diretta negli spazi regionali del servizio pubblico radiotelevisivo ma anche in tutti i tg e gr nazionali della Rai con una informazione tempestiva e di primissima mano”. “Per questo il nostro motto è Tgr, vicini al territorio, vicini a voi; lo stesso motto con cui diamo vita, per una settimana al mese, a specifiche campagne sociali che coinvolgono tutte le trasmissioni regionali”, ha ribadito ancora Morgante, ricordando come la testata non produca solo “tg, gr e le trasmissioni televisive del mattino, ma anche appuntamenti tv quotidiani e settimanali”.

Vincenzo Morgante

Vincenzo Morgante (foto Olycom)

Nella settimana da Natale a Capodanno, segnala infatti una nota Rai, tutta l’informazione Tgr in Italia si focalizzerà sui volontari e sulle loro storie, mentre il mese scorso si è occupata delle opere compiute e incompiute e spesso le sue campagne sociali affrontano i temi della legalità, della cultura civica e del rapporto fra istituzioni e cittadini.

Proprio in questi giorni ricorrono anche i 25 anni di ‘Leonardo- il tg della scienza e dell’ambiente’, un vero e proprio telegiornale, trasmesso dal lunedì al venerdì su Rai3 poco prima delle 15, che insieme alle notizie da tutto il mondo, propone notizie scientifiche e ambientali da tutte le regioni italiane, raccogliendo ogni giorno oltre un milione di spettatori. Nel panorama produttivo della Tgr rientrano altri programmi informativi in onda su Rai3, come ‘Petrarca’, in onda il sabato alle 13.00, ‘Mezzogiorno Italia’ (sabato  13.30) con il racconto di un sud intraprendente e innovativo; e ‘Il settimanale’ (sabato – 12.30).

“In questi mesi la TGR sta varando appositi spazi dedicati all’informazione di prossimità anche sul web e sui social, per offrire nuove piattaforme informative locali ai cittadini”, ha concluso Morgante.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Dal 22 ottobre al via ‘Fuorilegge’, spazio settimanale di Klaus Davi su TgCom24

Panorama: dai giornalisti ribadito il no alla cessione

Selfie mortali, dal 2011 al 2017 259 decessi legati alla ricerca dello scatto perfetto