Siglata l’ipotesi di accordo per il saldo del CCNL dell’Emittenza Privata relativo al 2015-2017

“Con 25 € di incremento sui minimi tabellari e 10 € di polizza sanitaria di settore già anticipati, è stata firmata questa notte l’ipotesi di accordo per il saldo del CCNL dell’Emittenza Privata relativo al triennio 2015-2017. Nell’occasione le parti hanno anche sottoscritto un verbale d’intesa per il triennio 2018-2020 che raccoglie la disponibilità di Confindustria RadioTV a realizzare un notevole avanzamento sugli Appalti, l’ampliamento del campo di applicazione e della classificazione professionale in relazione alla convergenza tecnologica delle piattaforme e alla digitalizzazione.” Lo annuncia una nota di Slc Cgil nazionale.

“Sui Contratti a termine, invece, Confindustria RadioTV ha chiesto la disponibilità di parte sindacale a garantire 12 mesi aggiuntivi di rapporto di lavoro a tempo determinato, secondo le previsioni di legge, per risolvere parzialmente i problemi ingenerati dalla contraddizione tra norme che consentono l’impiego senza limite quantitativo del tempo determinato per specifici programmi radio televisivi, ma poi limitano a 36 mesi la durata massima a fronte di una domanda di lavoro fluttuante di anno in anno secondo cicli regolari. Fino all’ultimo avevamo lavorato per trovare una soluzione che consentisse di interrompere la perversa spirale che costringere un numero crescente di lavoratori subordinati temporanei a trasformarsi in collaboratori a partita IVA una volta raggiunti i 36 mesi, ma la mediazione più avanzata alla fine è risultata insostenibile per Confindustria RadioTV. Ulteriori risultati di natura inquadramentale potranno essere raggiunti mediante una specifica Commissione che si insedierà con l’entrata in vigore del nuovo CCNL.”

“Per la parte economica 2018-2020 Confindustria RadioTV ha offerto la disponibilità a chiudere con 90 € a regime sui minimi tabellari, 10 € sulla polizza sanitaria nonché 100 € di Una Tantum da corrispondere a febbraio.”

“La Segreteria Nazionale di SLC-CGIL valuta positivamente il risultato complessivo raggiunto e si attiverà nei prossimi giorni con FISTEL-CISL e UILCOM-UIL nella consultazione delle lavoratrici e dei lavoratori per i mandati a ratificare l’ipotesi di accordo sul triennio passato e a dare seguito all’intesa sul prossimo triennio – aggiunge il sindacato di categoria.

“Una parte considerevole della vertenza è stata imperniata sulle linee di confine con i Contratti Collettivi dei giornalisti che si è conclusa con un nulla di fatto per l’indisponibiltà di SLC-CGIL a fare, come a subire, incursioni da un campo all’altro. E’ chiaro tuttavia che il problema della concorrenza di un contratto con l’altro si riproporrà in modo sempre più frequente e prepotente con l’avvento nelle nuove tecnologie.”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Al forum di Wpp Italia e TEH Ambrosetti tutto sui Millennials, la generazione che sta cambiando la società e la pubblicità

Malagò ancora contro il Governo: con quattro righe è stato ucciso il Coni

Il Wall Street Journal vara una task force contro fake news e video artefatti