Facebook guarda alla musica e sigla un accordo di licenza con Universal Music Group, permettendo ai suoi utenti di caricare sul social video personali con i brani dell’etichetta discografica

Facebook fa il primo vero passo nel business musicale. Il social ha stretto infatti un accordo di licenza globale pluriennale con l’etichetta Universal Music Group. Tutta musica che in precedenza non generava reddito per i discografici e, per questo motivo, è stata oggetto di scontri legali per richiederne la rimozione. Grazie all’intesa gli utenti, non solo di Facebook, ma anche di Messenger e Instagram, potranno caricare legittimamente filmati con le musiche di brani della casa discografica, controllata dalla francese Vivendi.

Un colpo non da poco quello che la compagnia di Zuckerberg ha messo a segno, soprattutto nei confronti di YouTube, controllata da Google, che proprio pochi giorni fa ha stretto un’intesa con la stessa Universal e con Sony Music Entertainment.

Nella foto Mark Zuckerberg e Lucian Grainge, chairman e ceo di Universa Music Group

Per ora Facebook non lancia un servizio di musica in streaming, ma questo accordo potrebbe fare da apripista per novità future, visti i contatti che sarebbero in corso anche altre case discografiche, per cui Zuckerberg sarebbe disposto a sborsare cifre rilevanti.

In ogni caso, il social conferma la sua strategia di voler valorizzare i video online, con l’obiettivo di spingere gli utenti a guardare e condividere sempre più filmati e di attrarre investitori pubblicitari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Giornalisti, il ministro della Giustizia Bonafede: gli attacchi di Di Maio? Un dovere denunciare certa stampa

Abodi (Credito Sportivo): pronti 2 miliardi da investire sulle infrastrutture sportive. Sarebbe folle non ottimizzarli

Domani sui giornali una pagina con l’articolo 21 della Costituzione. Editori e giornalisti uniti per informazione libera e pluralista