Lavazza acquisisce il 25% di Chili e diventa secondo azionista della piattaforma di video streaming

Lavazza investe nell’intrattenimento digitale. Una holding finanziaria riconducibile alla famiglia, proprietaria della azienda torinese di caffè, ha acquistato il 25% di Chili, piattaforma di video on demand che conta tra i suoi investitori anche Sony Pictures Entertainment, Paramount Pictures, Viacom e Warner Bros.

L’operazione, confermata dalla Luigi Lavazza Spa, ammonta secondo quanto segnala il Financial Times, a circa 25 milioni di euro e porta il gruppo ad essere il secondo azionista della società, alle spalle dei due fondatori Stefano Parisi e Giorgio Tacchia, attuale amministratore delegato, che detengono il 32%.

Nata nel 2012, oltre che nel mercato italiano, Chili ha lanciato il servizio anche in Gran Bretagna, Polonia, Germania e Austria.

Nella foto Stefano Parisi e Giorgio Tacchia

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale