Lavazza acquisisce il 25% di Chili e diventa secondo azionista della piattaforma di video streaming

Lavazza investe nell’intrattenimento digitale. Una holding finanziaria riconducibile alla famiglia, proprietaria della azienda torinese di caffè, ha acquistato il 25% di Chili, piattaforma di video on demand che conta tra i suoi investitori anche Sony Pictures Entertainment, Paramount Pictures, Viacom e Warner Bros.

L’operazione, confermata dalla Luigi Lavazza Spa, ammonta secondo quanto segnala il Financial Times, a circa 25 milioni di euro e porta il gruppo ad essere il secondo azionista della società, alle spalle dei due fondatori Stefano Parisi e Giorgio Tacchia, attuale amministratore delegato, che detengono il 32%.

Nata nel 2012, oltre che nel mercato italiano, Chili ha lanciato il servizio anche in Gran Bretagna, Polonia, Germania e Austria.

Nella foto Stefano Parisi e Giorgio Tacchia

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Giornalisti, il ministro della Giustizia Bonafede: gli attacchi di Di Maio? Un dovere denunciare certa stampa

Abodi (Credito Sportivo): pronti 2 miliardi da investire sulle infrastrutture sportive. Sarebbe folle non ottimizzarli

Domani sui giornali una pagina con l’articolo 21 della Costituzione. Editori e giornalisti uniti per informazione libera e pluralista