Cresce del 35% il tempo che i lettori spendono sul sito del New York Times. L’inserimento di contenuti multimediali tra i sistemi usati per allungare la durata delle visite

Per il New York Times non sono è cresciuto il numero degli abbonati, ma è aumentato anche il tempo che i lettori trascorrono sul suo portale. A certificarlo uno studio realizzato da comScore e ripreso da Digiday Uk, secondo cui nel 2017 la permanenza sul sito del giornale della Grande Mela è di circa 5 minuti, in crescita del 35% rispetto al 2016.

Estendere i tempi di navigazione sta diventando sempre più centrale nel modello di business del quotidiano – anche come punto di forza con gli investitori pubblicitari – , e tra i sistemi che il giornale ha messo in campo per riuscire a catturare più a lungo l’attenzione dei suoi utenti, c’è anche l’inserimento negli articoli di componenti multimediali, dai documentari ai podcast, fino a mappe e grafici interattivi. Non è chiaro quanti siano gli articoli con contenuti di questo tipo, ma, stando a quanto riportato da un portavoce del giornale, il numero è in costante crescita.

New York Times (Foto: Primaonline.it)

Un elemento alla base di questa strategia interattiva, secondo Digiday Uk, è da ricercarsi nella recente introduzione di Oak, sistema per la gestione dei contenuti, che facilita il lavoro dei giornalisti. In più nella redazione sono state inserite 25 persone dedicate al visual journalism.

Nell’ultimo anno, segnala ancora comScore, il Nyt ha registrato anche un aumento del traffico web, con una media di circa 89 milioni di visitatori unici al mese da mobile e desktop combinati, in crescita del 9% rispetto al 2016.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

L’Ue apre un’indagine sull’acquisizione di Shazam da parte di Apple

Tribunale accoglie ricorso di Tim e Vivendi: no a revoca consiglieri

Giornalisti sempre più vecchi, età media da 47 a 58 anni. Casagit: “Frana occupazionale”