Parte la campagna elettorale e comincia l’attacco alla Rai. La denuncia UsigRai: nessuna riforma per il settore dell’editoria, l’unica idea è indebolire il servizio pubblico

E puntuale come un orologio svizzero parte la campagna elettorale e arriva l’attacco alla Rai. Scrive una nota dell’UsigRai che prosegue:

Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai

Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai

È un copione che si ripete anni. Segnaliamo che laddove si è abolito il canone il Servizio Pubblico è stato fortemente ridimensionato. A tutto vantaggio dei privati.

Se questo è l’obiettivo basta dichiararlo apertamente. Del resto è curioso che prima si mette il canone in bolletta e poi si propone di abolirlo. Vuol dire non avere idee. E infatti ogni volta che abbiamo chiesto un confronto serio su progetti, riforme, innovazione per rilanciare la Rai Servizio Pubblico, sono spariti tutti.

E infatti: i limiti antitrust non si toccano, il sic non si tocca, il conflitto di interessi non si tocca, ma si attacca la Rai. Già riportata in questi anni ancor di più sotto il controllo del governo, in aperto contrasto con più sentenze della Corte costituzionale. Invece di buttarla come sempre in rissa, sarebbe bastato ripartire dal Ddl di riforma della Rai che porta il nome dell’attuale Presidente del Consiglio.

Ci aspettiamo una dura presa di posizione pubblica da parte dei vertici Rai. A difesa dell’autonomia e del futuro dell’azienda. E anche per ricordare che il canone in Italia è il più basso d’Europa e ormai finanzia anche le tv private locali.

Il silenzio sarebbe complice. E il rifiuto di farci vedere gli atti del ricorso contro il taglio di 150 milioni assumerebbe a quel punto un suono sinistro.

Esecutivo Usigrai

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il Parma torna ai parmigiani. Maggioranza a sette imprenditori locali, cinesi in minoranza

Quando nascerà un canale Rai istituzionale? Se ne parla il 26 a Eurovisionis 2018

Editoria: secondo Liberation Pigasse voleva cedere a Kretinsky la sua intera quota in Le Monde