Le Olimpiadi senza la Rai non sarebbero la stessa cosa. Il presidente del Coni, Malagò: ci danno una popolarità fondamentale. I nostri partner devono sostituire il finanziamento pubblico

“Le olimpiadi sono le olimpiadi, estive o invernali, sono una cosa se c’è la Rai e un’altra cosa se non c’è la Rai. Chiunque si rende conto che ci dà una forza e una popolarità nei numeri per noi fondamentali”. Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, si è espresso in occasione della presentazione del palinsesto Rai per i Giochi olimpici invernali di PyeongChang, avvenuta presso il Salone d’onore del Coni a Roma.

Malagò ha poi ricordato l'”importanza qualitativa e quantitativa dei nostri partners, e prima di partire per la Corea ci sarà un’altra sorpresa. I ricavi privati – prosegue Malagò – devono sostituire e integrare quelli che sono i finanziamenti pubblici, la scelta di indirizzarsi verso di noi nasce da tanti ragionamenti: credibilità, prestigio, risultati, comportamenti, e per come siamo in grado di far vedere quello che facciamo”.

E sulla presidenza della Figc, ha aggiunto: “se si trova una condivisione su una persona che ha il maggior consenso possibile io ne sono molto felice, e penso che il calcio lo debba essere. E’ solo una questione di buonsenso, non mi sento di aggiungere altro”.

Giovanni Malagò (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

L’Ue apre un’indagine sull’acquisizione di Shazam da parte di Apple

Tribunale accoglie ricorso di Tim e Vivendi: no a revoca consiglieri

Giornalisti sempre più vecchi, età media da 47 a 58 anni. Casagit: “Frana occupazionale”