The New Yorker punta sulle newsletter per accrescere l’audience online. Dan Oshinsky (ex BuzzFeed): l’email è come un salotto dove non c’è spazio per brand nei quali non si nutre fiducia

Le newseltter assumono sempre più importanza per The New Yorker, tanto che il celebre magazine statunitense ha deciso di assumere una figura dedicata per curarne lo sviluppo. Dan Oshinsky, in precedenza direttore delle newsletter a BuzzFeed, ricopre il medesimo incarico per The New Yorker. E’ già al lavoro, riferisce Niemanlab, e sta studiando come valorizzare le newsletter esistenti e lanciarne di nuove per acchiappare nuove fette di audience online.

Dan Oshinsky (Foto: Twitter)

“Quello delle newsletter è un business dove conta molto la lealtà”, spiega Oshinsky. “Qui non si dura molto tempo senza saper costruire una forte relazione con il lettore. L’email, del resto, è un po’ come un salotto, uno spazio molto personale dove fai entrare gli amici, i colleghi che ti aggradano, ma anche quei brand nei quali hai veramente fiducia”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fnsi-Usigrai-Odg: basta lottizzazione. Serve legge che liberi la Rai dai partiti

Upa e Nielsen mettono online lo storico degli investimenti adv in Italia dal 1962 a oggi

Crédit Agricole tifa Inter. Maioli a Spalletti: sponsorizziamo la Francia e vince i Mondiali, ora tocca a lei…