Il Tar giudica legittimo il bando sugli esteri per le agenzie di stampa. Respinto il ricorso di Fcs Communications, editrice del Velino

E’ legittimo il bando di gara per l’affidamento dei servizi giornalistici per le Amministrazioni dello Stato alle agenzie di stampa con rete di servizi esteri e diffusione all’estero, pubblicato il 16 giugno dello scorso anno. Lo ha stabilito il Tar del Lazio, respingendo il ricorso proposto da Fcs Communications, editrice dell’Agenzia giornalistica Il Velino.

Con il bando contestato – ad avviso di Fcs lo stesso avrebbe violato i principi della massima partecipazione, della par condicio, e della non discriminazione – , il Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della presidenza del Consiglio dei ministri ha indetto una procedura aperta suddivisa in 5 lotti e per un valore totale di 40.830.000 euro per complessivi tre anni e valore dell’appalto iniziale 6.805.000 euro per sei mesi.

Il Tar preliminarmente ha dichiarato due dei motivi di ricorso “improcedibili per sopravvenuta carenza di interesse”, rilevando inoltre che Fcs “avendo partecipato alla procedura ed essendo risultata aggiudicataria, si trova in conflitto di interesse con il richiesto annullamento del bando di gara, il quale travolgerebbe, in caso di accoglimento del ricorso, anche la sua aggiudicazione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Di Maio e i giornalisti. Mattarella: libertà di stampa grande valore. Mulè: toni mafiosi, Barachini: in Vigilanza

Le otto identità digitali degli italiani secondo GroupM – DOCUMENTO

La giostra di Mondadori illumina Iab Forum. Andrea Santagata: comunicare è soprattutto trasmettere emozioni – VIDEO