Trump annuncia i suoi ‘Fake News Awards’. Vince il New York Times, seguito sul podio da Abc e Cnn

Il 2017 è stato un anno in cui i giornalisti hanno seguito la presidenza Trump in modo fazioso, anche con fake news. Inizia con questa accusa il post con cui vengono annunciate le testate e le storie vincitrici del ‘Fake News Awards’, il riconoscimento creato dallo stesso inquilino della Casa Bianca per premiare i media più bugiardi de dodici mesi appena passati.  Ad annunciarlo è stato il presidente Usa, segnalando – manco a dirlo, con un tweet – il link alla classifica pubblicata sul sito del partito Repubblicano, che inizialmente è andato in ‘crash’ per le troppe richieste di accesso.

Secondo il sondaggio, autogestito da Trump, il giornale più bugiardo è il New York Times, con un articolo del premio Nobel per l’Economia 2008, Paul Krugman, che il 9 novembre 2016 – il giorno dopo le elezioni presidenziali – aveva previsto che l’economia “non si sarebbe mai ripresa” dalla vittoria di Trump.

Al secondo posto la Abc, con il reporter investigativo Brian Ross, poi sospeso per un mese dalla rete, per aver erroneamente affermato a mercati aperti che l’allora candidato repubblicano alla casa Bianca, aveva dato ordine a Michael Flynn (per soli 24 giorni suo Consigliere per la Sicurezza Nazionale), di contattare i russi. In realtà l’incarico era stato dato da Trump in qualità di presidente eletto, vincitore del voto dell’8 novembre ma non ancora insediato nella pienezza dei poteri il 20 gennaio 2017. La Abc corresse la notizia – nel primo caso ci sarebbe stata la prova conclamata di un crimine, nel secondo no – 7 ore dopo averla data, con i mercati in tumulto.

A seguire la CNN per le notizie ‘imprecise’ su WikiLeaks. Fuori dal podio in quarta posizione il Time per aver riferito falsamente che Trump aveva rimosso un busto di Martin Luther King Jr. dalla Casa Bianca. Quinto il Washington Post per aver “riferito mentendo” che un evento in Florida dove era presente Trump, era stato un flop mentre invece “era pieno di gente”.

Tra le fake news citate – oltre ad altre storie da Cnn e New York Times – anche una da Newsweek, che aveva segnalato il rifiuto della first lady polacca Agata Kornhauser-Duda di stringere la mano a Trump.

New York Times (Foto: Primaonline.it)

Intanto il New York Times, in concomitanza con “i riconoscimenti”, ha scelto oggi di rinunciare alla pagina degli editoriali e dei commenti per dare spazio a lettere di sostenitori del presidente. “Nello spirito del dibattito aperto e sperando di aiutare i lettori che hanno la nostra stessa opinione a comprendere meglio le opinioni degli altri, abbiamo voluto consentire ai sostenitori di Trump di argomentare al meglio delle loro possibilità in favore del presidente in coincidenza con il suo primo anno di presidenza”, si legge in un breve messaggio di introduzione all’iniziativa, a cui seguirà una pagina dedicata ad elettori di Trump delusi.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La bocciatura della manovra è in buona compagnia. All’estero la stampa online guarda anche a Brexit e ai guai di Deutsche Bank

Editoria, Casellati: no misure restrittive su contributi. Conseguenze su occupazione e pluralismo

Crimi ai giornalai: sostenere tutta la filiera; prime soluzioni nella legge di bilancio; tavolo al Dipartimento Editoria