2017 boom per il mercato delle app. In un anno spesi più di 86 miliardi di dollari, con download in crescita del 60% rispetto al 2015

Nel 2017 la spesa mondiale in applicazioni per smartphone è più che raddoppiata rispetto al 2015 (+105%), raggiungendo quota 86 miliardi di dollari. Il dato emerge da un rapporto degli analisti di App Annie, secondo cui la cifra supera del 70% i ricavi globali del settore della musica live e registrata, ed è quasi il triplo (+195%) di quanto incassato nei botteghini dei cinema di tutto il mondo. L’anno scorso nel mondo sono stati scaricati oltre 175 miliardi di applicazioni, il 60% in più rispetto al 2015: come se ogni abitante della Terra avesse fatto due download al mese.

A fronte dei 6 milioni di diverse app a disposizione, sugli smartphone se ne trovano in media 80, ma quelle che vengono usate ogni mese sono 40. Il picco in Cina e Giappone dove in media su ogni smartphone ci sono 100 app, delle quale ne vengono utilizzate circa la metà.

(elaborazione Appannie.com)

Mediamente ogni persona usa app per tre ore al giorno, con differenze che vanno dalle 4 ore dell’Indonesia alle poco meno di due ore della Francia.

(elaborazione Appannie.com)

Tra i paesi inclusi nello studio, l’India nel 2017 ha superato gli Stati Uniti diventando il secondo mercato per numero di applicazioni scaricate, alle spalle della Cina. Nell’arco di due anni, i download sono aumentati del 125% in Cina e del 215% in India, mentre sono diminuiti del 5% in Usa. Il quarto paese per numero di download è il Brasile (+20%), il quinto la Russia (+30%).

Anche a livello di ricavi la Cina è primo mercato (+270% in due anni), seguita da Usa (+75%) e Giappone (+60%)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il calcio in tv costa troppo? Usigrai e Cdr Rai Sport accusano: visione negata al grande pubblico

Dazn prosegue il rodaggio: “nessun problema nei match di domenica”. Ma sui social fioccano lamentele

Panico tra gli utenti Netflix: arriva la pubblicità? L’azienda: no, sono “promotionals” (e si possono skippare)