Snapchat licenzia una ventina di impiegati. Previsti tagli anche nel team che lavora sui contenuti con gli editori

Snap, la società che controlla Snapchat, si prepara a licenziare “due dozzine di persone”. Secondo quanto segnalato da alcuni siti internazionali, i tagli all’interno del gruppo guidato da Evan Spiegel riguarderanno anche il personale che si occupa della produzione di contenuti e che lavora a contatto con gli editori per la sezione Discover. I licenziamenti sarebbero la risposta a un calo nella crescita degli utenti, che la compagnia ha cercato di affrontare anche con un massiccio restyling dell’app di messaggistica, rilasciato lo scorso autunno, che ha nella separazione dei contenuti – tra i post dei contatti personli da quelli di media e brand – uno dei punti principali.

Evan Spiegel

I licenziamenti non sono comunque una sorpresa. Snap, sotto la pressione degli azionisti, sta cercando di ridurre i costi e già a settembre aveva licenziato 12 membri della divisione hardware. Lo scorso ottobre, il ceo Spiegel aveva parlato di “un rallentamento” delle assunzioni e di “difficili decisioni” da prendere nel corso del 2018.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Gruppo 24 Ore: Paolo Fietta nominato chief financial officer

Khashoggi, Arabia Saudita concede l’ingresso nel Consolato alla polizia turca

Mentana, a novembre prime venti assunzioni per il suo giornale online. “Sistema bloccato da politica ed egoismo”