Richemont lancia un’Opa volontaria sul 100% delle azioni di Yoox net-a-porter group

Compagnie Financière Richemont ha promosso un’offerta pubblica di acquisto volontaria sul 100% delle azioni ordinarie Yoox net-a-porter group (Ynap) a 38 euro per azione. Lo rendono noto le due società. L’offerta è stata promossa attraverso Rlg Italia Holding Spa, società indirettamente e interamente controllata da Cfr. Ynap opera nel luxury fashion e-commerce. Richemont è già maggiore azionista di Ynap.Al termine dell’operazione le azioni Yook Nap saranno ‘delistate’ da Piazza Affari.

Per Richmont – che al momento è già titolate del 75,03% delle azioni della piattaforma online – l’offerta porterà a un esborso massimo di 2,69 miliardi ma se dovesse acquistare anche le azioni che YNAP potrebbe emettere nel caso di esercizio delle stock option esistenti il corrispettivo massimo dell’offerta salirebbe a 2,7 miliardi.

Federico Marchetti, ad di Yoox (foto Olycom)

Marchetti si è impegnato ad apportare all’offerta tutte le azioni che ha in portafoglio (ad oggi pari al 5,7%). Nell’operazione l’offerente è assistita da Goldman Sachs, in qualità di advisor finanziario, e da BonelliErede e Slaughter and May, in qualità di consulenti legali rispettivamente per i profili di diritto italiano e di diritto inglese.

“Il razionale dell’operazione è investire ulteriori risorse con l’obiettivo di accelerare il solido percorso di crescita di Ynap”, rafforzandone la posizione della società da 2 miliardi di ricavi, ha spiegato l’ad del gruppo, Federico Marchetti. “Questo si tradurrà in maggiori investimenti in prodotto, tecnologia, logistica, persone e marketing”, ha aggiunto.

Ynap continuerà ad essere gestita come società distinta, mentre la sede rimarrà in Italia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il Parma torna ai parmigiani. Maggioranza a sette imprenditori locali, cinesi in minoranza

Quando nascerà un canale Rai istituzionale? Se ne parla il 26 a Eurovisionis 2018

Editoria: secondo Liberation Pigasse voleva cedere a Kretinsky la sua intera quota in Le Monde