Ottocento milioni non bastano. A vuoto l’asta per i diritti tv della Serie A 2018-2021 (che si aspettava 1 miliardo e 50 milioni). Ora trattative private, altrimenti c’è la busta dell’intermediario indipendente

Ammontano a meno di 800 milioni di euro a stagione le offerte per il bando domestico per i diritti tv  -pacchetti principali e opzionali – della Lega Serie A del triennio 2018/21, scaduto oggi alle 13. Una cifra, riferisce l’Ansa, inferiore al miliardo e 50 milioni della base d’asta cui puntavano Lega e Infront, con l’assemblea dei club che a questo punto sarebbe perciò orientata a procedere per trattative private con i broadcaster, facendo slittare le decisioni a venerdì.

Stando a quanto riportano le agenzie, sono state 5 le buste presentate, alcune delle quali con più di un’offerta. Da Sky sono arrivate offerte per il pacchetto A (gare di 8 squadre fra cui le big per il satellitare), per il C (stesso contenuto per Internet) e per D1 e D2 (le partite delle altre 12 squadre, Roma inclusa), oltre che per i diritti accessori di A e D1-D2. Da Mediaset e Italia Way offerte per il B (stesso contenuto di A per il digitale terrestre), mentre Tim e Perform hanno avanzato offerte per il C.

Per il pacchetto Platinum ABC, secondo quanto filtra, hanno fatto offerte sia Sky sia Mediaset

Nel bando per il pacchetto A (le partite di 8 squadre, le big Juventus, Milan, Napoli, Inter, Lazio, Fiorentina e due di fascia bassa per la piattaforma satellitare) e B (stesso contenuto per il digitale terrestre) il prezzo minimo indicato era di 260 milioni di euro, mentre era stato quotato 160 milioni di euro il C per la piattaforma Internet, con le stesse partite di A e B (che però includono anche i diritti a trasmettere in bar e hotel e altri accessori). Per il pacchetto Platinum ABC, con i diritti accessori destinato a un solo degli assegnatari di A, B e C, la base d’asta era di 60 milioni di euro. Per i pacchetti D1 e D2 il prezzo minimo complessivo era di 310 milioni di euro per la trasmissione in esclusiva delle partite degli altri 12 club, inclusa la Roma. Base d’asta di 5 milioni ciascuno per i diritti accessori Platinum D1 e Platinum D2.

Secondo quanto filtra, le uniche proposte sopra i minimi sono quelle di Sky, che ha offerto 261 milioni di euro per il pacchetto A (le partite di 8 squadre, le big Juventus, Milan, Napoli, Inter, Lazio, Fiorentina e due di fascia bassa per la piattaforma satellitare), quotato 260 milioni come il pacchetto B (stessi contenuti, per il digitale terrestre), per cui Mediaset avrebbe messo sul piatto 200 milioni. Per il pacchetto C (per la piattaforma Internet, con le stesse partite di A e B che però includono anche i diritti a trasmettere in bar, hotel e altri accessori), quotato 160 milioni di euro, ci sarebbe un’offerta di Sky da 170 milioni di euro, una di Perform da 100 milioni e un’altra di Tim inferiore. Sarebbe molto al di sotto della base d’asta di 300 milioni di euro l’offerta per i pacchetti D1 e D2 (con le partite delle altre 12 squadre) di Sky, che invece avrebbe superato il prezzo minimo nella sua offerta per i diritti accessori.

“La Lega – ha spiegato il commissario Carlo Tavecchio leggendo una nota – comunica di aver ricevuto 5 offerte da altrettanti broadcaster, e un’offerta da parte di un intermediario indipendente. Alla luce delle offerte ricevute per il bando relativo ai broadcaster, la Lega all’unanimità ha deliberato di non accettare alcuna offerta e dar corso alla trattativa privata, con l’obiettivo di ottenere non meno del prezzo minimo complessivo già previsto dal relativo bando, che equivale a 1 miliardo e 50 milioni, per i pacchetti principali e opzionali. Giova ricordare che, ha concluso, qualora le trattative private non andassero a buon fine, la Lega si riserverà di valutare l’offerta presentata dall’intermediario indipendente”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La bocciatura della manovra è in buona compagnia. All’estero la stampa online guarda anche a Brexit e ai guai di Deutsche Bank

Editoria, Casellati: no misure restrittive su contributi. Conseguenze su occupazione e pluralismo

Crimi ai giornalai: sostenere tutta la filiera; prime soluzioni nella legge di bilancio; tavolo al Dipartimento Editoria