Nel quarto trimestre 2017 utile e ricavi in crescita per Netflix. In aumento anche il numero degli abbonati che supera i 117 milioni

Netflix fa il pieno di abbonati e vola in Borsa, dove arriva a guadagnare oltre il 9%, con una capitalizzazione di mercato che supera i 100 miliardi di dollari. Il colosso della tv in streaming chiude il quarto trimestre con 8,33 milioni di abbonati in più, di cui 6,36 milioni nuovi abbonati a livello internazionale e 1,98 milioni in più negli Stati Uniti, per un totale che supera i 117 milioni di sottoscrizioni. Numeri al di sopra delle attese e che spazzano via i timori sull’aumento dei prezzi annunciato negli ultimi tre mesi.

(grafico ripreso dal sito Recode)

Nel quarto trimestre i ricavi sono cresciuti del 33% a 3,29 miliardi di dollari a fronte di un utile più che raddoppiato a 185,5 milioni di dollari contro i 66,7 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. I risultati includono un onere di 39 milioni di dollari per i contenuti che la società ha deciso di non mandare in onda. Il colosso non offre dettagli ma la cifra potrebbe includere i costi legati a ‘House of Cards’, lo show travolto dallo scandalo delle molestie di Kevin Spacey.

Per il primo trimestre dell’anno in corso sono stimati ricavi per 3,68 miliardi di dollari e nuovi abbonanti per complessivi 6,35 milioni, di cui 1,45 milioni negli Stati Uniti e 4,9 milioni all’estero.

Dalla compagnia di Hastings previsti forti investimenti. Per il 2018 Netflix prevede di spendere fra i 7,5 e gli 8 miliardi di dollari per la produzione di contenuti originali, incrementando anche gli investimenti nelle tecnologie, e il budget per il marketing da 1,3 a 2 miliardi di dollari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Wpp Italia presenta il Campus. Costa: “Sarà lo ‘stargate’ dell’offerta integrata”

Fico: cambiare la legge sulla Rai e abolire la Vigilanza. M5s nei talk senza contraddittorio? Direttori liberi di decidere

Radiotv locali, Bitonci, sottosegretario all’economia: Dl Dignità per salvare 5mila posti di lavoro