Commenti ai dati Ter. Suraci (Rtl 102.5): noi una seconda famiglia per gli italiani. Linus (Deejay): grandissimo risultato aspettando Fiorello. Volanti (Rismi): crescita costante. Montefusco (Rds): sempre più entertainment company. Gentili (Radio 24): anno record. Salvaderi (Mediaset): in linea con le aspettative

Commenti e comunicati stampa di editori e protagonisti della radio sui nuovi dati Ter dell’anno 2017.

Rtl 102.5

Rtl 102.5 leader assoluta delle radio italiane con 8.326.000 ascoltatori nel giorno medio. Lo conferma l’indagine Ter.

“Ancora una volta con tutta la mia squadra abbiamo provato un sentimento ingovernabile: siamo felici – dichiara l’editore Lorenzo Suraci –  vogliamo condividere questa gioia con tutti gli italiani che vivono Rtl 102.5 come la loro seconda famiglia. Continueremo a lavorare con la stessa passione di sempre: intrattenendo e informando con professionalità e correttezza”.

Il gruppo Rtl 102.5, che è composto anche da Radio Zeta (731mila) e da RadioFreccia (724mila), raggiunge così una somma totale di 9.781.000 ascoltatori attestandosi tra i principali gruppi della radiofonia italiana.

RadioMediaset

RadioMediaset (Radio 105, Virgin Radio, R101, Radio Subasio), cui fanno capo le attività radiofoniche del Gruppo Mediaset, si conferma primo Gruppo radio nazionale negli ascolti.

“I risultati annuali sono perfettamente in linea con le nostre aspettative”, Paolo Salvaderi, amministratore delegato di RadioMediaset. “Sapevamo che la messa a punto di un nuovo impianto di ricerca – che consegni un’indagine efficace per editori e mercato – necessita di tempo e impegno”.

“Il fatto di essere stati obbligati a eliminare il primo trimestre dal totale anno sicuramente non ha avvantaggiato le radio di programmi. Nel complesso tuttavia il nostro Gruppo conferma lo stato di assoluta salute delle nostre quattro emittenti e il primato di ascolto con ottime performance sia nel giorno medio (+11%) sia nei 7 gg (+12%). Detto questo, il nostro interesse è rivolto alla implementazione della ricerca e il 2017 è per noi solo il punto di partenza”.

Paolo Salvaderi (foto Alessandro Pozzi)

 

GEDI

Sono stati pubblicati oggi i nuovi dati di RadioTER, l’indagine realizzata dal Tavolo Editori Radio (TER) e condotta da Gfk/Ipsos, relativi agli ascolti del mezzo Radio, Anno 2017 (metodo CATI, 90.000 interviste realizzate dal 4 maggio al 18 dicembre 2017), per i valori “giorno medio”, “Aqh” e “7giorni”. Completano l’impianto ulteriori 20.000 interviste, realizzate per TER dall’istituto Doxa, con informazioni relative all’utenza fino ai 28 giorni. La Radio si conferma un mezzo in salute con ascolti negli ultimi anni sempre superiori ai 35 milioni: nel 2017 le emittenti radiofoniche hanno raggiunto mediamente, ogni giorno, 35 milioni e 464.000 ascoltatori sopra i 14 anni di età.

Tra le emittenti in carico alla A.Manzoni&C., concessionaria del Gruppo GEDI, con 5.191.000 RadioItalia attesta, con un +18,1% rispetto al 2016, una delle crescite più importanti del comparto radiofonico.

Linus (foto Primaonline)

Linus (foto Primaonline)

Radio Deejay

Ottime le performance di Radio DEEJAY: con 5.171.000 ascoltatori nel Giorno Medio ed una crescita dell’8,6% nell’ultimo anno, registra la sua migliore performance degli ultimi 5 anni.

A questi si aggiungono i valori dei profili social che consolidano la forza del brand più seguito a livello nazionale: 2,2 mio like su Facebook, più di 2,4 mio di follower su Twitter, 410.000 su Instagram. Il suo sito è primo in assoluto tra quelli delle radio italiane con 1.106.000 utenti unici (Audiweb Novembre 2017).

Il risultato è un’eccellente premessa alle importanti novità 2018 che riguardano l’emittente, prima tra tutte “Il rosario della sera”, il nuovo programma radiofonico di Fiorello, che a partire dal prossimo lunedì 29 Gennaio andrà in onda dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 20. Con Fiorello il maestro Enrico Cremonesi, complice di divertenti improvvisazioni musicali, l’imitatrice Gabriella Germani con le sue tante voci e grandi ospiti. Il fuoriclasse torna in radio e torna in Deejay, l’emittente che ha visto nascere e crescere, insieme a lui, alcune tra le voci più significative dello scenario radiofonico ed artistico italiano e che ancora oggi annovera, ai suoi microfoni, eccellenze del mondo dello spettacolo.

Il commento di Linus: “Essere tornati stabilmente e abbondantemente sopra i 5 milioni di ascoltatori è un grandissimo e quasi inaspettato risultato. Ora sarà interessante leggere i risultati che arriveranno dalle novità che verranno introdotte nel 2018. Finalmente verranno incrementate le interviste sui cellulari e quindi avremo una fotografia più credibile dell’ascolto radiofonico. Tra l’altro la nuova tranche coincide esattamente con la ripartenza di Fiorello, dal 29 gennaio tutti i giorni alle 19 con il suo Rosario della Sera”.

Capital

Trend in leggero calo per Radio Capital, fisiologico nei periodi di cambiamento del palinsesto come quello che ha recentemente interessato l’emittente, con circa 1,6 milioni di ascoltatori al giorno.

Radio Capital, da sempre riferimento per musica e informazione di qualità, ha ampliato la propria offerta musicale ed arricchito la prestigiosa squadra di conduttori con l’arrivo di Massimo Giannini. Il giornalista, editorialista di punta de “La Repubblica” e opinionista televisivo, è in onda dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 9 con “Circo Massimo”, il nuovo spazio di informazione che in pochi mesi è diventato uno degli appuntamenti più autorevoli per le notizie, le analisi, i commenti, i dibattiti e le interviste sull’attualità.

M20

Molto bene m2o che arriva a circa 1,7 milioni di ascoltatori nel Giorno, con un incremento del 7,4% rispetto al 2017. La radio che sin dal suo esordio ha voluto e saputo mantenere il suo pubblico giovane, verso il quale rimane il più importante riferimento con affinità mai viste nel comparto radiofonico, oggi intrattiene un pubblico sempre più trasversale. In 10 anni i suoi ascoltatori sono quadruplicati, grazie ad un’offerta editoriale in continua evoluzione, che ha saputo abbracciare un pubblico sempre più ampio.

 

Eduardo Montefusco

Eduardo Montefusco

Rds

“I risultati conseguiti nel 2017 hanno solide basi e sono il risultato di un percorso interno a RDS che ha visto come protagonisti i manager a capo delle varie divisioni, i loro collaboratori diretti, i dipendenti e naturalmente i conduttori. Un unico efficiente e efficace team di lavoro che ha progettato, sviluppato e tradotto in esecutivo, quanto disegnato come piano strategico.
Stiamo mettendo sempre più le persone e le competenze al centro dell’innovazione per migliorare la produttività e affrontare al meglio le nuove sfide e i nuovi obiettivi, avendo una continua e coerente attenzione ai nostri valori: stile, passione, empatia, cambiamento ed innovazione, valori che ci stanno differenziando rispetto a tutti sul mercato.
Stiamo lavorando bene su tutte le leve, ed i 5.7 milioni di ascoltatori che ci vedono al secondo posto nel giorno medio e la crescita sui quarti d’ora lo dimostrano, con un + 14%. Da diversi anni abbiamo cambiato paradigma, siamo un entertainment company che produce format audiovisivi, integrando il territorio.”

Mario Volanti

Mario Volanti

 

Radio Italia

I dati di ascolto radiofonico rilasciati da TER (Tavolo Editori Radio) relativi all’anno 2017, certificano per Radio Italia 5.191.000 ascoltatori nel giorno medio e collocano l’emittente di sola musica italiana al terzo posto nella classifica delle radio più ascoltate nel giorno medio con una crescita del 18,1% rispetto al dato del 2016. Risultato importante anche nei 7 giorni: con 16.017.000 ascoltatori, Radio Italia è seconda nella top five delle radio più ascoltate.

Mario Volanti – Editore e Presidente Radio Italia: “Radio Italia cresce costantemente e i dati annuali appena rilasciati confermano un trend già evidenziato dal primo rilascio relativo al semestre. Superiamo i 5 milioni di ascoltatori nel giorno medio, ci posizioniamo al terzo posto tra le radio più ascoltate e nei 7 giorni ci collochiamo al secondo: non posso che essere davvero molto soddisfatto di questi risultati. Una crescita continua che riguarda anche il nostro comparto web e social e che premia lo sforzo e il lavoro di tutta l’azienda. Ma Radio Italia non si ferma mai: siamo in piena attività e ci prepariamo ai prossimi appuntamenti in programma. Prima tappa Sanremo 2018 dove raggiungeremo un record: 30 anni di dirette radiofoniche a copertura della kermesse. A seguire, il nostro grande evento RADIO ITALIA LIVE – IL CONCERTO, che si terrà in Piazza Duomo a Milano attorno alla metà di giugno”.

Marco Pontini, Direttore Generale Marketing e Commerciale: “Il trend di crescita di Radio Italia è notevole. Radio Italia ha la capacità unica di raggiungere il proprio pubblico attraverso la radio, la tv, il sito, i social (siamo primi tra le radio su Facebook e raggiungiamo ogni giorno attraverso i nostri profili social oltre 3,8 milioni di persone), le app (2,8 milioni di download), gli eventi sul territorio. E’ una caratteristica riconosciuta anche dal mercato che ci premia aderendo con entusiasmo a molte nostre iniziative, come ad esempio Sanremo 2018. Siamo pronti a seguire la 68ma edizione del Festival, portando con noi un’esperienza lunga 30 anni e tanti prestigiosi partner che affiancheranno le varie attività previste negli studi di “Fuori Sanremo by Lancôme”. Allo stesso tempo lavoriamo con entusiasmo alla nuova edizione di RADIO ITALIA LIVE – IL CONCERTO. Vogliamo che il nostro evento, diventato appuntamento fisso e imperdibile per la musica italiana live, sia sempre più speciale e indimenticabile sia per i nostri ascoltatori sia per i brand che saranno al nostro fianco in questa nuova avventura musicale”.

 

Guido Gentili

Guido Gentili

Radio 24

Chiusura da record per Radio 24 nel 2017 con un risultato mai raggiunto prima. Gli ascolti sono cresciuti dell’8,5% rispetto al 2016 e il dato di 2.205.000 ascoltatori nel giorno medio rappresenta il livello più alto nella storia dell’emittente news and talk del Gruppo 24 ORE. Risultato ancora più positivo se si prende in considerazione il numero degli ascoltatori che hanno fruito della radio almeno una volta nella settimana, salito del 36% rispetto al 2016, con 5.139.000 ascoltatori. Stabile il quarto d’ora medio rispetto allo scorso anno con una share del 3% che conferma Radio 24 nella nona posizione del ranking AQH.

“Siamo molto soddisfatti perché gli ottimi risultati emersi dal rilevamento TER per l’anno 2017 dimostrano la forza di Radio 24. Bene ha fatto il Gruppo a continuare a credere e rafforzare l’asset radiofonico. Ringrazio tutti i giornalisti e i conduttori che quotidianamente contribuiscono alla qualità del nostro modo di fare informazione” commenta il direttore editoriale del Gruppo 24 ORE Guido Gentili.

Massimo Colombo, direttore generale commerciale del Gruppo 24 ORE e direttore generale di System24, che dal 1 gennaio 2018 cura la raccolta pubblicitaria di Radio Kiss Kiss, aggiunge: “Radio Kiss Kiss segna la performance di crescita più alta tra tutte le radio nazionali nel giorno medio. L’offerta di Radio 24 e Radio Kiss Kiss è, ora, ancora più forte, ognuno sulle sue audience di riferimento”.

 

Stefano Bragatto

Stefano Bragatto

Radio Monte Carlo

Nel primo anno dopo l’era Finelco, l’emittente registra +22% nel giorno medio e +7% nel quarto d’ora. Musica e contenuti di qualità, più frequenze, eventi e un obiettivo: pensare solo agli ascoltatori. La nuova era di Radio Monte Carlo si apre sotto i migliori auspici: l’inserimento di nuovi conduttori, una selezione musicale ancora più accurata, l’acquisizione di nuove frequenze e la promozione di una serie di eventi e partnership in linea con la nuova filosofia editoriale hanno favorito uno dei migliori exploit del panorama radiofonico nazionale dell’ultimo anno con un incremento d’ascolto del 22.1% nel giorno medio e del 7% nel quarto d’ora.

Una performance di tutto rispetto nel primo anno di trasmissioni dopo l’uscita dell’emittente da Gruppo Finelco: “Siamo estremamente soddisfatti dei risultati conseguiti – dice Stefano Bragatto, direttore dei programmi di Radio Monte Carlo – perché il trend evidenziato conferma la bontà della strategia adottata: porre l’ascoltatore al centro dell’attenzione, accompagnandolo in ogni momento della giornata su tutti i device con una selezione musicale raffinata, un’informazione sempre attenta all’attualità nazionale e internazionale grazie alla redazione di RMC NEWS e alla rete di corrispondenti dall’Italia e dal mondo, un intrattenimento garbato insieme ai nostri talent e con l’obiettivo di intercettare le grandi passioni degli italiani, facendole diventare le linee guida di tante iniziative e partnership volte a valorizzare i tanti territori della nostra bella penisola”.

Proprio in questa strategia si inseriscono le presenze di Radio Monte Carlo alla Mostra del Cinema di Venezia con Rosaria Renna, che tra pochi giorni racconterà agli ascoltatori di RMC anche le emozioni del Festival in diretta da Sanremo; ad Umbria Jazz con Nick The Nightfly, in diretta dal cuore di Perugia e poi in tour in tutta Italia; al Salone dell’Auto di Torino con il nuovo truck RMC da 18 metri; il Capodanno trasmesso in diretta da Torino.

E poi una scommessa: far vivere in FM quanto di bello l’Italia può offrire. Dal 2017 Radio Monte Carlo è diventata la radio dell’arte promuovendo sulle proprie frequenze oltre 30 mostre presso i più prestigiosi musei d’Italia e stringendo una prestigiosa collaborazione con il FAI, Fondo Ambiente Italiano: “Il nostro non è soltanto uno slogan – continua Stefano Bragatto. Mentre tutti i competitor inseguono gli ascolti, noi abbiamo scelto davvero di coccolare i nostri ascoltatori, offrendo loro suoni e spunti sempre originali in linea con il gusto e il profilo di chi segue RMC. E questa nostra passione, evidentemente, è ricambiata”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai, Salvini: incontrerò i candidati ai vertici. Lottizzazione? Stiamo scegliendo i migliori

Vincenzo Morgante alla direzione di Tv2000 (Cei). Lascia la guida della Tgr Rai

Fca, Marchionne grave, a Manley la carica di ad. Elkann ai dipendenti: “la mia lettera più difficile, Sergio non tornerà”