Brenna lascia Publicis, Leo Burnett e la Global Client Leadership di Fca. In arrivo nuovo ad e nuova direzione creativa di Leo

Tanto tuonò che piovve. I rumors si erano fatti insistenti e alla fine è arrivata l’ufficializzazione della notizia. Dopo 13 anni di leadership assoluta in Leo Burnett Italia, Giorgio Brenna ha preso la decisione di lasciare Publicis Groupe per dedicarsi a nuovi progetti personali.

Giorgio Brenna

Giorgio Brenna

Entrato nel 2005, Brenna è stato prima Chairman e CEO di Leo Burnett Italia e dal 2016 Global Client Leader di Publicis Groupe per il cliente FCA. A lui molti hanno ascritto il merito della vittoria di Starcom nella gara media di Fca. E non ha sbagliato chi, dopo l’esito recente della gara digital del gigante dell’auto guidato da Sergio Marchionne, arrisa a Wpp, l’aveva considerato come un segnale che la carriera di Brenna in Publicis stesse per concludersi. A seguito delle sue dimissioni, la struttura del Publicis Groupe Global team FCA si evolverà in un nuovo leadership team con sede a Torino e negli Stati Uniti, composto dalle diverse solution del Gruppo coinvolte sul cliente.

“E’ stata un’avventura fantastica e lascio clienti e colleghi che ringrazio e ricorderò per sempre, ma é per me arrivato il momento di dedicarmi ad altri progetti” ha dichiarato Giorgio Brenna.

“Emanuele Saffirio, President di Publicis Groupe in Italia, e io auguriamo a Giorgio tutto il meglio per la sua nuova vita e lo ringraziamo per il lavoro svolto in questi anni” ha commentato Justin Billingsley, COO di Publicis Communications. Nell’agenzia ora è atteso come imminente l’arrivo di un nuovo amministratore delegato e un nuovo direttore creativo. Entrambi ascrivibili all’era Saffirio di Publicis in Italia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Al forum di Wpp Italia e TEH Ambrosetti tutto sui Millennials, la generazione che sta cambiando la società e la pubblicità

Malagò ancora contro il Governo: con quattro righe è stato ucciso il Coni

Il Wall Street Journal vara una task force contro fake news e video artefatti