La Champions League torna in Rai dopo sei anni. In chiaro la Miglior gara delle italiane il mercoledì. Più semifinali, finale e Supercoppa europea. La nazionale fino al 2022

Torna dopo sei anni la Champions League in Rai. La tv pubblica ha raggiunto un accordo con Sky per la trasmissione in esclusiva in chiaro della miglior partita delle italiane il mercoledì in Champions nella stagione 2018-2019. Nel pacchetto anche le semifinali, la finale e la Supercoppa europea. Viale Mazzini ha inoltre raggiunto un accordo con l’Uefa per l’esclusiva free e pay degli incontri della Nazionale per le qualificazioni per gli Europei 2020 e i Mondiali 2022, della Nations League e delle amichevoli. Acquisiti da Sky anche i diritti per la trasmissione in diretta del GP d’Italia di F1.

Sergio Ramos con la coppa (Foto: Olycom)

L’accordo siglato con Sky Italia, sottolinea una nota di Viale Mazzini, concede alla Rai i diritti in esclusiva in chiaro degli incontri della prossima edizione della Champions per la trasmissione in prima serata della miglior partita con un club italiano del turno del mercoledì. Nel pacchetto sono incluse 2 semifinali, la finale e la sfida per la Supercoppa europea in agosto.

Si tratta del ritorno della massima competizione europea per squadre di club in Rai dopo 6 anni: l’ultima partita trasmessa fu la finale 2012 tra Chelsea e Bayern Monaco.

Rai – continua la nota – ha anche acquisito da Sky i diritti per la trasmissione in diretta del Gran Premio d’Italia di automobilismo a Monza, comprese prove e qualifiche.

Viale Mazzini ha inoltre raggiunto un accordo con l’Uefa per l’esclusiva assoluta (free e pay) di tutti gli incontri della Nazionale Italiana di calcio per i prossimi due cicli di qualificazioni per gli Europei 2020 e i Mondiali 2022, della Nations League (il nuovo torneo europeo per squadre nazionali) e di tutte le amichevoli internazionali.

Fino ai Mondiali del Qatar (per i cui diritti Rai intende partecipare all’asta della Fifa) la Nazionale italiana sarà dunque ancora visibile a tutti a dimostrazione di un rapporto esclusivo tra gli azzurri e il servizio pubblico che prosegue costante nel tempo.

Per i campionati europei del 2020, Rai si è inoltre già assicurata l’esclusiva in chiaro delle migliori 27 partite oltre agli highlights di tutte le altre partite non selezionate.

“Dove c’è l’Italia, la Rai c’è” ha commentato il direttore generale Rai Mario Orfeo a proposito dell’esclusiva ottenuta sulle partite della Nazionale italiana di calcio nella Nations League e per le European Qualifiers dei prossimi 4 anni. “L’acquisizione dei diritti di trasmissione in chiaro delle migliori partite della prossima edizione della Champions League, nella quale saranno impegnate quattro squadre italiane – ha continuato il dg – rappresenta inoltre una straordinaria novità per il palinsesto sportivo della prossima stagione. Queste nuove acquisizioni sono per Rai un motivo di orgoglio e si aggiungono ad un ampio portafoglio di diritti con cui il servizio pubblico è costantemente impegnato a promuovere e valorizzare lo sport per tutti, nessuno escluso”.

Rai comunica infine che parteciperà alla prossima asta per i diritti sulla Coppa Italia per il triennio 2018/21.

Le nuove acquisizioni sportive – conclude la nota – si aggiungono al già ricco portafoglio di Rai Sport che, oltre ai prossimi Giochi olimpici e paralimpici invernali in Corea del Sud, vede il servizio pubblico detentore dei diritti su tutti i principali eventi nazionali ed internazionali, maschili e femminili: Sci (Mondiali 2019 in Svezia e 2021 a Cortina); Pallavolo (Mondiali 2018 in Italia e Giappone); Ciclismo (Giro, Tour, Mondiali); Atletica (Mondiali ed Europei); Nuoto (Mondiali ed Europei), oltre a Ginnastica, Scherma, Canottaggio, Pattinaggio e altri ancora oltre alla massiccia trasmissione degli Sport Disabili fra cui le Paralimpiadi 2018 e 2020.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Audiweb, total digital audience a febbraio: il 77% del tempo speso è mobile – INFOGRAFICHE

Bolloré lascia la guida di Vivendi al figlio Yannick. Nominato président Cds

Due licenziamenti alla Gazzetta dello Sport. Forte impatto nelle redazioni Rcs