In Rete la libertà prende il sopravvento sulla responsabilità. Allarme Agcom: nella computer-mediated communication l’individuo è protagonista ma ha scarsa percezione del valore della comunicazione

“La liberta’ della Rete sta prendendo il sopravvento sulla responsabilita’ e sulla capacita’ di autoregolarsi. E’ innegabile che, nell’ambito della computer-mediated communication, l’individuo, dotato di un innato livello di interattivita’ divenga protagonista del web, attraverso cui e’ in grado di rendere pubbliche idee e opinioni e diffondere notizie, ma spesso nel farlo ha una scarsa percezione del valore della comunicazione: cosi’ veicola indistintamente contenuti positivi e negativi e polarizza le opinioni”. E’ quanto ha affermato il commissario Agcom, Antonio Martusciello, intervenendo alla presentazione del Rapporto CISF 2017.

Antonio Martusciello

Antonio Martusciello

Richiamando il rapporto, Martusciello ha evidenziato come Internet favorisca il capitale sociale bonding, (i legami intra-familiari), ma non i rapporti bridging (quelli extra familiari). Infatti, nonostante i social siano sorti con finalita’ aggregative, queste piattaforme rischiano invece di contribuire ad alimentare situazioni di instabilita’. Il commissario ha ricordato che nel Regno Unito l’aumento del tasso di ansieta’ e depressione tra i giovani in 25 anni e’ cresciuto del 70%, complice la dipendenza da social. In Italia, il 79% dei giovani non riesce a staccarsi dai device neanche per tre ore. In Giappone poi il fenomeno degli Hikkikomori e’ divenuto dilagante. E anche gli adulti non riescono a stare senza controllare il cellulare: e’ la Fomo, Fear of Missing Out.

La proposta del commissario e’ quella di bilanciare due sistemi, quello tipico della mediazione familiare e quello tecnologico proprio dei software di rilevazione dei sintomi patologici. In via sperimentale – ha ricordato – le Universita’ di Harvard e del Vermont hanno sviluppato un software che, analizzando gli scatti postati sui social e’ riuscito a rilevare sintomi depressivi. “E’ opportuno definire un approccio alla tutela concettualmente coordinato e consono allo scenario digitale per evitare la degenerazione dei rapporti sociali”, ha chiosato Martusciello. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Milan: Paolo Scaroni nominato presidente. Sarà anche amministratore delegato ad interim

Rai, lunedì la ratifica del nuovo Cda. A seguire ad e presidente designati dal Consiglio dei ministri

Agcom, osservatorio media 1° trimestre: quotidiani in calo (-8,2%); tv maluccio Rai e Mediaset, cresce La7; boom social di Instagram