Timori per le scelte di Claudio Baglioni e critiche sul compenso di Michelle Hunziker. Cosa pensa il pubblico social sul prossimo Sanremo? (INFOGRAFICA)

Manca poco meno di una settimana al via del Festiva di Sanremo, in programma dal 6 al 10 febbraio prossimi. In attesa di lasciare spazio alla musica, a tenere banco sui social sono i tre conduttori della kermesse canora, giusta alla 68esima edizione. Secondo le valutazioni e le misurazioni fatte da da Reputation Manager, negli ultimi tre mesi sono stati già pubblicati più di 31mila commenti sul trio Baglioni-Hunziker-Favino.

(elaborazione Reputation Manager)

Protagonista assoluto è il cantautore romano, che ricopre anche il ruolo di direttore artistico, al quale è dedicato il 57% dei messaggi. Al 43% di giudizi positivi, risponde un 42% di valutazioni che esprimono perplessità e critiche per la mossa della Rai di affidargli il Festival. I timori riguardano in particolare le sue scelte artistiche, che lo hanno fatto giudicare troppo conservatore. Una critica illustre è arrivata dalla conduttrice della scorsa edizione Maria De Filippi che ha contestato apertamente la scelta di escludere dal Festival i ragazzi dei talent.

A Michelle Hunziker è invece dedicato il 35% dei commenti, molti dei quali negativi. Contestato soprattutto il cachet di 400mila euro pattuito per le cinque serate, una cifra che non arriva neanche alla metà di quella che aveva ricevuto alla sua prima esperienza sanremese con Pippo Baudo, ma che, segnala Reputation Mangare, è costato in termini reputazionali il 61% di commenti negativi.

Pierfrancesco Favino ha ricevuto in questa fase preliminare solo l’8% dei commenti, che sono però positivi nel 38% dei casi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Confindustria Radio Tv: tagli a informazione non portano benifici; costruire nuovo modello business e riconosciuto copyright 

Dal 22 ottobre al via ‘Fuorilegge’, spazio settimanale di Klaus Davi su TgCom24

Panorama: dai giornalisti ribadito il no alla cessione