Lorenzo Serra lascia la direzione generale di Tv2000 e InBlu Radio per guidare l’Istituto Centrale per il Sostentamento del Clero. Le sue funzioni all’ad Massimo Porfiri

Lorenzo Serra lascia la direzione generale di Rete Blu Spa, la società a cui fanno capo le emittenti della Conferenza episcopale italiana Tv2000 e InBlu Radio, per assumere il ruolo impegnativo di direttore dell’Istituto Centrale per il Sostentamento del Clero (il suo predecessore è in pensionamento).

Massimo Porfiri e Lorenzo Serra

Massimo Porfiri e Lorenzo Serra

A Rete Blu Spa non è in programma la nomina di un nuovo direttore generale e le funzioni di Serra saranno assunte stabilmente dall’attuale amministratore delegato, Massimo Porfiri, noto commercialista e consulente fiscale della Cei.
Nei prossimi giorni il consiglio d’amministrazione della società si riunirà per definire il nuovo assetto al vertice delle emittenti della Cei. Tra l’altro Tv2000, su cui papa Francesco punta molto, il 9 febbraio compirà 20 anni. Mentre per InBlu Radio, il circuito radiofonico che comprende 40 radio – alcune di proprietà diretta di Rete Blu Spa, la maggioranza controllate dalle diocesi – è allo studio un piano di rilancio che prevede anche un maggior coordinamento.
A nome della Cei, il presidente cardinale Gualtiero Bassetti e il segretario generale monsignor Nunzio Galantino, hanno rivolto a Lorenzo Serra un ringraziamento per il lavoro svolto e per la piena disponibilità ad accettare il nuovo incarico all’Istituto per il Sostentamento del Clero.

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mancano contenuti. Negli Usa si blocca Today In, il servizio di Facebook per le notizie locali

Mancano contenuti. Negli Usa si blocca Today In, il servizio di Facebook per le notizie locali

Responsabili comunicazione Diocesi al summit di Assisi su Internet, comunità online ed elezioni Europee

Responsabili comunicazione Diocesi al summit di Assisi su Internet, comunità online ed elezioni Europee

Tre nuove assunzioni a Open: i candidati saranno scelti tra i 15mila dell’estate scorsa

Tre nuove assunzioni a Open: i candidati saranno scelti tra i 15mila dell’estate scorsa