Nel 2017 Facebook fa pieno il ricavi, ma delude la crescita degli utenti. Calato di 50 milioni di ore il tempo speso quotidianamente sul social

Risultati sopra le attese per Facebook, che chiude il trimestre con un utile operativo in aumento del 61% a 7,35 miliardi di dollari. L’utile netto, che include un onere da 3,19 miliardi di dollari legato alla riforma delle tasse americana, è pari a 4,27 miliardi, su ricavi in crescita del 47% a 12,97 miliardi. La crescita degli utenti però delude, risultando leggermente sotto le attese. In questo trimestre, per la prima volta è calato il numero degli utenti giornalieri in Usa e Canada, il suo mercato più remunerativo. Sebbene abbia aggiunto 33 milioni di nuovi utenti a livello globale, in quel mercato il numero è sceso di 700mila a circa 184 milioni.

Le recenti modifiche apportate hanno inoltre ridotto di 50 milioni di ore al giorno il tempo trascorso sulle sue pagine, corrispondente a più di due minuti al giorno per ciascuno degli 1,4 miliardi di utenti che usano il social quotidianamente.

Mark Zuckerberg (Foto: Olycom)

“Il 2017 è stato un buon anno per Facebook ma anche uno difficile. Nel 2018 siamo concentrati ad assicurarci che Facebook non sia solo divertente ma anche positivo per la società”, ha spiegato Zuckerberg, garantendo l’impegno della compagnia per una maggiore qualità del tempo trascorso sulla piattaforma. ”Stiamo perseguendo l’obiettivo incoraggiando le connessioni che hanno significato piuttosto che il consumo passivo di contenuti “. “Nell’ultimo trimestre abbiamo apportato modifiche per mostrare meno video virali per assicurarci che il tempo trascorso su Facebook sia ben speso. Complessivamente abbiamo introdotto cambiamenti che riducono il tempo trascorso su Facebook di circa 50 milioni di ore al giorno”.

Per quest’anno la società prevede inoltre di sostenere il 45-50% di costi operativi in più, con l’obiettivo di migliorare le misure di sicurezza.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai: Laganà, Usigrai, Fnsi e Odg preoccupati per le parole di Di Maio: a rischio posti di lavoro; volontà di colpire il pluralismo

Open presenta la squadra di redattori: fotoreporter, videomaker, esperti di contenuti verticali e di esteri

Rai, arriva l’infornata di vice direttori dei tg. Presentati anche i piani editoriali