Discovery e Publicis misurano la total audience a Pyeongchang su ogni piattaforma, tv o device mobile, free o pay

Acquisire dati su video, utenti e piattaforme per analizzare il comportamento effettivo del pubblico durante la visione delle Olimpiadi. Questo l’obiettivo che a Discovery, insieme a Publicis, si sono prefissati in occasione delle imminenti Olimpiadi invernali a Pyeongchang. Misurare dunque l’audience totale su tutti gli schermi, device e attraverso tutti i servizi.

Come spiega una nota, Discovery e il suo canale Eurosport hanno sviluppato una metodologia per analizzare il comportamento del pubblico in tutta Europa. Le tre nuove metriche, che nel complesso permetteranno di acquisire i dati “total video” (da tutte le piattaforme free-to-air, pay tv, online e social, su tablet, mobile o schermi tradizionali), sono:

– video (il numero di video visualizzati e il volume di visualizzazioni espresso in ore su tutte le piattaforme possedute e gestite da Discovery, compresi free-to-air, pay TV, servizi di streaming, digitale, app e social media, oltre ai dati sul pubblico tradizionale provenienti dalle emittenti partner di tutta Europa.

– utenti: la somma degli utenti totali di tutte le piattaforme possedute e gestite da Discovery, compresi free-to-air, pay TV, servizi di streaming, digitale, app e social media, oltre ai dati sul pubblico tradizionale provenienti dalle emittenti partner di tutta Europa.
– engagement: il numero di like, condivisioni e commenti su tutti i media digitali e social di Discovery, coprendo così tutte le piattaforme.

Discovery ha anche stretto una partnership con la divisione sport and entertainment di Publicis Media per studiare l’approccio alla platea e calcolare gli spettatori attraverso un sondaggio post-Giochi che misura la fruizione dei Giochi Olimpici Invernali su più schermi e piattaforme evitando il doppio conteggio degli spettatori.

L’atleta di casa Park Seung-Hi (prima da sinistra)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Stefanelli alla direzione di ‘Sette’ che si riorganizza accorpando LiberiTutti. Severgnini punta sulla tv

Manuela Kron amplia le responsabilità in Nestlé Italia. Alla guida anche del marketing consumer communication 

Verdelli si presenta ai lettori: non sono un figlio di Repubblica, ma sono in sintonia con questa straordinaria avventura giornalistica e culturale