Boom per gli abbonamenti online del New York Times: +41,8% nel 2017

Boom degli abbonati online per il New York Times, che nel 2017 hanno raggiunto i 2,64 milioni di lettori, con una crescita del 41,8% rispetto all’anno precedente. Il quotidiano ha guadagnando nell’ultimo trimestre 157 mila abbonati, migliorando le performance dei due trimestri precedenti. I numeri del servizio di vendite di abbonamenti online lanciato nel 2011, sono salite del 46% nel 2017 a 340 milioni di dollari, in aumento anche le vendite di annunci digitali del 14%.

Gli abbonamenti online rappresentano ormai il 60% del volume d’affari del gruppo; la pubblicità conta per un terzo.

Mark Thompson

“Il 2017 è stato un anno segnato da crescita e innovazione sia sul fronte giornalistico sia su quello aziendale”, ha commentato Mark Thompson, presidente e amministratore delegato della compagnia nella nota con i conti del gruppo, che però ha chiuso il quarto trimestre in perdita, con un rosso di 57,84 milioni di dollari contro gli utili per 37,63 milioni di dollari dello stesso periodo dell’anno precedente. “Abbiamo registrato la nostra migliore crescita dei ricavi, spinti dalle sottoscrizioni digitali, che sono aumentate di oltre 100 milioni di dollari anno dopo anno – ha aggiunto – un chiaro segnale del fatto che il nostro modello di business basato sull’abbonamento si sta dimostrando un modo efficace per sostenere le nostre grandi ambizioni giornalistiche”.

(elaborazione Recode)

Spulciando i conti dell’editrice, il tech magazine Recode ha evidenziato come i suoi tassi di crescita tengono il passo di quelli di Facebook (47%) e addirittura sopravanzano quelli di Google, al 30%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Diritti tv: non passa il voto contro Mediapro. Tutto rinviato a lunedì

Tim, domani in Agcom analisi preliminare su separazione rete

Elena Mirò lancia con Privalia il suo digital temporary shop