Sky ha un piano B per non perdere la Serie A

“Perchè mai Sky dovrà restare senza i diritti di Seria A? Siamo l’operatore con maggiore esperienza e interessati a partecipare alla vendita dei diritti. Una grande azienda deve sempre avere un piano B. Ma le assicuro che, se le regole sanno uguali per tutti, questo non servirà”. A sottolinearlo, in un’intervista a ‘La Repubblica’, è l’executive vice presidente di Sky, Riccardo Pugnalin, per il quale la partita dei diritti tv della Serie A per i prossimi 3 anni è ancora aperta e l’emittente satellitare è ancora in gioco.

“Siamo certi”, dice Pugnalin, “che tutto si svolgerà regolarmente, visto che la Lega ha un Commissario, e che sono coinvolte almeno due Autorità in temi di rilevanza europea”, dice Pugnalin.

(foto Olycom)

Pugnalin, interpellato sulla dichiarazioni dell’ad di Infront, Luigi De Siervo che ha definito l’assegnazione a MediaPro una liberalizzazione, spiega: “la storia di questa asta dei diritti tv parte da molto lontano: due bandi, lunghi, a distanza di mesi, non sono riusciti a trovare la soluzione al tema nodale del valore reale del calcio italiano. Siamo i primi ad esserne dispiaciuti soprattutto dopo avere messo sul tavolo grandi risorse”.

“Era difficile per noi prendere tutto – prosegue Pugnalin – quando ci si offriva poco, soprattutto in termini di esclusiva. La conoscenza di Sky di questo mercato ha fatto sempre prendere decisioni molto razionali. Ma tutto ciò ha sempre dei limiti oltre ai quali è difficile andare. Questa volta ci veniva chiesto di superare illogicamente questi limiti sfidando la legge di gravità, cioè quella della sostenibilità”.

“Ricordiamo – conclude – che il calcio italiano è ancora basato pressoché esclusivamente sui diritti tv che da soli non sorreggono più il sistema”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Cda Rai: il Parlamento elegge i consiglieri Borioni e Coletti (Senato), De Biasio e Rossi (Camera) – CHI SONO

Vigilanza Rai, Fnsi-Usigrai: con Barachini istituzionalizzato il conflitto d’interessi

Netflix apre alla radio con un canale dedicato alle commedie. E prova a calamitare nuovi clienti