I centri media sostengono il beauty contest Iab

Le agenzie media di Assocom, insieme a GroupM e Publicis Media hanno manifestato a IAB Italia il loro supporto alla costruzione di un sistema di certificazione della qualità dei bacini pubblicitari online, attraverso la definizione e la misurazione degli opportuni parametri e la verifica del rispetto delle linee guida IAB.

Carlo Noseda

Carlo Noseda

Il tema della qualità nell’ambito dell’online advertising, dice una nota Iab,  è cruciale, sia per attirare nuovi investimenti sia per fornire agli utenti un’esperienza di fruizione sempre più appagante.

A questo proposito IAB Italia ha recentemente aperto un Beauty Contest volto a selezionare uno o più partner per la realizzazione del progetto.

L’impegno di IAB Italia si focalizza su un duplice obiettivo. Da un lato, favorire la trasparenza del mercato e la disponibilità di dati certificati che garantiscano agli investitori pubblicitari l’efficacia della loro comunicazione su Internet. Dall’altro, definire un sistema che consenta a tutti i player di competere equamente, dando evidenza dei risultati raggiunti in termini di cura dei contenuti, layout e qualità della propria audience.

I centri media ritengono che questi nuovi strumenti si aggiungeranno alle altre iniziative già in essere (come il libro bianco sviluppato in partnership con UPA) volte a creare fiducia negli investitori, ampliando ulteriormente il portafoglio di offerte a loro disposizione per raggiungere le audience Internet italiane, contraddistinte da alti tassi di viewability e brand safety, bassi tassi di traffico fraudolento e basso utilizzo di adblocker rispetto allo scenario internazionale.

Fino al 28 febbraio è possibile inviare la propria offerta per partecipare al Beauty Contest di IAB Italia, ulteriori informazioni sono disponibili su www.iab.it.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Doxa e Zerostories con Beer misurano il branded entertainment

Anlaids lancia la parodia di Karate Kid per sensibilizzare all’utilizzo del preservativo

Programmatic advertising in continua crescita. Ecco come funziona