Unilever avverte Facebook: stop fake news o niente pubblicità

Unilever, il secondo più grande inserzionista al mondo, ha avvertito Facebook e Google che smetterà di fare pubblicità sulle loro piattaforme se non faranno di più per combattere le fake news, per aumentare la trasparenza, per difendere i minori da contenuti potenzialmente nocivi. Lo sostiene uno degli executive del colosso nel corso di un discorso: “Essendo uno dei principali inserzionisti al mondo, non possiamo avere un ambiente in cui i nostri clienti non credono a quello che vedono online”, dirà Keith Weed, capo del marketing del colosso anglo-olandese, parlando alla conferenza Interactive Advertising Bureau di Palm Desert, California.

Keith Weed (Foto Suzimierkat, fonte commons.wikimedia.org)

Keith Weed (Foto Suzimierkat, fonte commons.wikimedia.org)

Parte del discorso è stato inviato ad alcuni media americani. Dopo Procter & Gamble, Unilever è il secondo inserzionista al mondo con 7,7 miliardi di dollari all’anno per promuovere i suoi prodotti, tra cui i gelati Algida, i saponi Dove e il te Lipton. “Unilever non investirà in piattaforme o ambienti che non proteggono i nostri bambini o creano divisioni nella società e promuovono rabbia e odio”, si legge nella bozza del discorso. “Daremo la precedenza a investimenti solo in piattaforme responsabili che sono impegnate a creare un impatto positivo sulla società”, conclude Weed.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> 20 marzo </strong> Vince Siani. D’Urso sbatte su La Porta Rossa, ma spegne Vespa e Salvini

20 marzo Vince Siani. D’Urso sbatte su La Porta Rossa, ma spegne Vespa e Salvini

Mancano contenuti. Negli Usa si blocca Today In, il servizio di Facebook per le notizie locali

Mancano contenuti. Negli Usa si blocca Today In, il servizio di Facebook per le notizie locali

Responsabili comunicazione Diocesi al summit di Assisi su Internet, comunità online ed elezioni Europee

Responsabili comunicazione Diocesi al summit di Assisi su Internet, comunità online ed elezioni Europee